giovedì 3 gennaio 2008

Si rivota nella città di mezzo

Mesagne - Brindisi, 3 gennaio 2007. La città di mezzo ha vissuto e vive un periodo complesso. La città di mezzo è una realtà importante nella provincia di Brindisi, nel bene e nel male. La città di mezzo ha prodotto spesso classi dirigenti, indipendentemente dal giudizio che si abbia sulla direzione.


Nella città di mezzo, dopo decenni di amministrazione di centrosinistra, alle ultimi elezioni amministrative è nata un’anatra zoppa. Un sindaco di centrodestra, una maggioranza consiliare di centrosinistra. L’anatra zoppa non ha fatto molta strada. Si rivota nella città di mezzo. Panorama politico innovato nell’area che ha governato prima del disastro. Si faranno le primarie. Il centrosinistra ritrova l’unità e si apre il confronto, finalmente un confronto tra il bene e il meglio. Due candidati: Carmelo MOLFETTA, avvocato, espressione dell’area del Partito Democratico, Giancarlo CANUTO, docente, espressione dell’arcipelago della sinistra che ha ritrovato l’unità ed è stata anche capace di estendere i suoi confini.


Carmelo MOLFETTA, stimabilissima e sensibile persona che ho avuto il piacere di conoscere tanti anni fa, uno dei pochi avvocati che si è messo a disposizione del nascente movimento antiracket. Allora, nel 1990, non era semplice fare la scelta di stare contro le mafie, molti scelsero di conviverci e qualcuno anche di guadagnarci. L’avvocato Molfetta prese la sua parte di impegno e di responsabilità e mise la sua professionalità dalla parte giusta, dalla parte di chi allora disse no alla criminalità. Sono certo che anche oggi l’avv. Molfetta continua a dire gli stessi no con la stessa decisione di allora.


Giancarlo CANUTO lo ho conosciuto dopo, per caso, una amministrazione comunale della città di Mesagne aveva un problema tecnico-amministrativo e mi chiese la collaborazione alla sua soluzione. Prestai la mia opera professionale a quella amministrazione e mi chiesero di partecipare ad un incontro per spiegare le ragioni delle scelte effettuate.


C’era Giancarlo e c’erano anche altri. Giovani acuti e intelligenti ma anche acerbi e colmi di quella fresca ingenuità che cerca di far combaciare il vero con il giusto. L’incontro si concluse dopo una discussione molto schietta ma assolutamente leale. L’approccio non cominciò quindi nella forma più serena.


Ci siamo incontrati spesso, dopo. Abbiamo frequentato e frequentiamo la stessa area politica: quella dell’impegno sociale “senza timori e senza attese”. Giancarlo e i suoi compagni di strada hanno optato, in tempi non sospetti, per la costituzione di una Sinistra con una preposizione e senza aggettivi. Bisogna riconoscere che hanno visto giusto, su quella strada hanno proseguito con scienza e coscienza, sempre con sentimento, qualche volta con risentimento. C’è una concreta speranza che tutta la sinistra sappia riconoscersi in lui, la sinistra nelle sue forme più varie. C’è anche il bisogno che lui, e la sinistra con lui, sappiano assumere sul groppone il basto di una responsabilità di governo della città di mezzo, città di mezzo sempre generosa con la sinistra e qualche volta non ricambiata. Su quella sinistra giace la mia speranza di vedere “una sinistra di governo capace di un governo di sinistra”, spero che non sia di nuovo delusa.


Il PD e la Sinistra, a Mesagne come ovunque, sono quindi concorrenti. Concorrenti nella accezione più nobile, contendono duramente ma corrono insieme. Sono sicuro che sarà una bella corsa con un risultato non scontato, seguirò la tenzone con entusiasmo e partecipazione.


Auguro all’avv. MOLFETTA di guardare a sinistra come al luogo delle passioni capaci di produrre innovazione nel pensiero e nelle idee di una intera comunità. A Sinistra troverà una franchezza a volte dura ma sempre leale e anche progetti e paradigmi valoriali a lui facilmente condivisibili.
Auguro al Prof. CANUTO di guardare al PD giammai come “vecchi compagni che hanno tradito la causa” ma piuttosto come “nuovi amici con i quali provare a costruire un percorso nuovo e raggiungere mete condivise.”


Se così sarà, a Mesagne davvero i cittadini del centrosinistra potranno scegliere il loro futuro come è giusto che sia in una democrazia e finalmente potranno scegliere tra due meglio.


Io, spettatore di sinistra, tifo per Giancarlo CANUTO, lo dico per evitare il solito cretino che mi accusa di cerchiobottismo, e anche perché la mia dichiarazione è, credo, totalmente ininfluente.


Pino De Luca (pino_de_luca@virgilio.it)

MUSEO NAZIONALE  E PARCO ARCHEOLOGICO DI EGNAZIA   Sabato 21 settembre 2019   Ore 9.00 - Un tuffo ...
informazioni utili

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it