martedì 1 aprile 2008

Amore e musica -di Alfio Tarullo-

Per la settimana della cultura a Palazzo Granafei: divagazioni del prof. Corrado Petrocelli (Magnifico Rettore dell’Università di Bari ) sull’ amore nell’età antica e cantate, arie, tarantelle sulla ”pazzia” in amore tra il XVII e XVIII secolo eseguite dalla  Confraternita dei Musici.       
 

””



 
Ieri sera: ultimo appuntamento della ”Settimana della cultura” promossa dal Comune di Brindisi. Nella Sala di Palazzo Granafei, dove s’ammira il capitello della Colonna romana, insufficiente ad accogliere i numerosi cittadini, è programmata la conferenza sull’amore nell’antichità e un concerto diretto dall’indomabile Cosimo Prontera con la sua ”Confraternita de’ Musici”.


Con impazienza,  sorpresa, frustrazione e sempre crescente incredulità ascolto le divagazioni di Corrado Petrocelli  che tratteggia l’amore ellenistico nell’antica Grecia (quella di Pericle). Frustrazione, poiché m’attendevo lecitamente una qualche analisi con la quale  Petrocelli mettesse in rilievo l’amore (concetto il più difficile da definire e quindi con cognizioni mai inaccettabili).


””







Invece devo  ascoltare delle divagazioni storiche sulle donne, sui loro atteggiamenti  muliebri, sui desideri maschili da esse suscitati: comportamenti che possono essere contenuti nell’amore ma che, isolati, non sono amore. Traspare, dalle citazioni di Petrocelli, (che si rifà a Erodoto, Plutarco) , una chiara predisposizione maschilista che non prevede un amore contemporaneo tra due persone di sesso diverso, ma soltanto passione, dopo l’adescamento da parte della donna. La mia già detta incredulità mi portano ad annotare alcune frasi: ”Le donne hanno meno ”doti” sociali degli uomini e quindi scarsa attitudine al comando” recita Petrocelli.


Si potrà obiettare che l’oratore si riferiva alla donna dell’antichità: si, ma egli si compiace della citazione, non presentandola come superata o condannabile: parla di etere e del loro addestramento alla seduzione per il compiacimento dell’uomo. ”Se vi chiedono di Andromaca voi rispondete ”la moglie di Ettore”, se vi chiedono di Ettore voi NON rispondete ”il marito di Andromaca”...”  altra perla del Rettore Magnifico. Già, nell’antichità la donna era solo il necessario per l’erotismo dell’uomo, la fattrice della sua prole e il nume del focolare domestico, e Petrocelli mostra di compiacersene senza evidenziare il cambiamento avvenuto nel corso dei secoli. E, comunque, non si parla di ”amore”, quale era il tema della conferenza.


Petrocelli si sofferma anche sulle bianche braccia delle donne greche che uscivano dalla casa paterna per entrare in quella del marito, a vivere perennemente tra le murea protettive: e le loro braccia, mai al sole, rimanevano bianche. Anche qui, sottile compiacimento.


Durante il fosco ritratto delle femminili arti seduttive dipinto da Petrocelli (con un pertinente, questo si, excursus su Aspasia, che fu compagna di Pericle nel secolo d’oro della Grecia antica, donna dalle sublimi qualità spirituali, oratorie ed affettive) m’atterrisce il silenzio mummificato e inespressivo delle numerosissime donne presenti alla conferenza che certamente non condividono l’attualizzazione di questi concetti ma ”è il Rettore Magnifico che parla”.


Petrocelli insiste e differenzia la passione degli uomini per le eteree  mogli legittime, addirittura sottolineando come era regolamentato quantitativamente, una sorta di obbligo morale, il numero dei rapporti sessuali da avere con le legittime consorti. Seduto, a fianco di Patrocelli, il Sindaco Mennitti guarda attonito: ma dov ’è l’amore?

 E, finalmente, siamo alla Confraternita de’ Musici e la pazzia in amore:  è indefinibile, o definibile in mille configurazioni esteriori ed interiori, l’amore può essere anche pazzia.

Ecco l’indomito Prontera, al cembalo,  col tenore Giangrande e gli strumentisti Tiseo, Rota, Sarno (disinvolto al microfono quale presentatore) Petrella e De Lorenzi.

Sono calmi e sereni, confidano sulla forza evocativa della musica che trasmette emozioni più delle parole accademiche e maschiliste.  C’è una ciaccona di Andrea Falconieri, una canzonetta di Giovanni Stefani (l’amore può dare infelicità) , un madrigale del grande Claudio Monteverdi  (l’amore è un dolce tromento...), un pezzo per chitarra di Gaspar Sanz, teologo e maestro di cappella del Vicerè di Spagna a Napoli (nota 1) e la stupenda canzone del Guarracino, di autore anonimo napoletano del XVII secolo, (nota 2) vivace e scoppiettante, sapientemente interpretata dal giovane Alessandro Giangrande  con  con espressivo fascino  popolaresco.


C’è il noto Vivaldi della ”Follia” , con molteplici variazioni che si rifanno alle danze portoghesi e, infine, una cantata in lingua napolitana  di Simone Coya, una sorta di cantastorie di Gravina di Puglia , vissuto a mettà del 1600... Anche qui, con accentuata mimica partenopea, il tenore Giangrande reitera le sue doti nell’impegnativo pezzo a voce sola.


Grandi ovazioni alla Confraternita de’ Musici e al nostro coraggioso Cosimo Prontera a cui va riconosciuta abilità nello scovare in oscuri anfratti ( e abnegazione nel condurre in porto)  brani mai ascoltati prima d’oggi. 


N O T E :  

(1) Tratto dalla raccolta dal lunghissimo titolo  ”Instrucción de Música sobre la guitarra española y Método de sus primeros rudimentos, hasta tañerla con destreza, con dos laberintos ingeniosos, variedad de sones y dances de rasgueado y punteado, al estilo español, italiano, frances y inglés, con un breve tratado para acompañar con perfección sobre la parte muy esencial para la guitarra, arpa y organo, resumido en doze reglas y exemplos los mas principales de contrapunto y composición, dedicado al Serenissimo Señor , el Señor Ivan, compuesto por el Lecenciado Gaspar Sanz, aragones, natural de la Villa de Calanda, Bachiller en Teologia por la Insigne Vniversidad de Salamanca”. música sobre la Guitarra Española ”.  


(2) Offriamo ai lettori di Brindisi Sera il testo in (dialetto napolitano)   



Lo Guarracino che jéva pe mare
le venne voglia de se ’nzorare;
se facette no bello vestito
de scarde de spine pulito pulito
cu na perucca tutta ’ngrifata
de ziarèlle ’mbrasciolata
co lo sciabò, scolla e puzine
de ponte ongrese fine fine.

Cu li cazune de rezze de funno,
scarpe e cazette de pelle de tunno,
e sciammeria e sciammereino
d’àleche e pile de voje marino,
co buttune e buttunera
d’uocchúe de purpe, sécce e fèra,
fibbia, spata e schiocche ’ndorate
de niro de secce e fele d’achiate.

Doje belle cateniglie
de premmone de conchiglie,
no cappiello aggallonato
de codarino d’aluzzo salato,
tutto pòserna e steratiello
jeva facenno lo sbafantiello,
e gerava da ccà e da llà
la ’nnammorata pe se trovà!

La Sardella a lo barcone
steva sonanno lo calascione;
e a suono de trommetta jeva cantanno st’arietta:
«E Ilaré lo mare e lena,
«e la figlia da sié Lena
«ha lasciato lo ’nnammorato
«Pecché niente l’ha rialato ».

‘O Guarracino ’nche la guardaje
de la Sardella se ’nnammoraje;
se ne jette da na Vavosa
la cchiù vecchia maleziosa,
l’ebbe bona rialata
pe mannarle la mmasciata:
la Vavosa pisse pisse
chiatto e tonno ’nce lo disse.

La Sardella ’nch’a sentette
rossa rossa se facette,
pe lo scuorno che se pigliaje

sotto a no scuoglio se ’mpizzaje;
ma la vecchia de vava Alosa
sùbeto disse: « Ah schefenzosa
«De sta manera non truove partito,
«’ncanna te resta lo marito.

« Se aje voglia de t’allocà
«tanta smorfie non aje da fa;
«fora le zeze efora lo scuorno,
«anema e core e faccia de cuorno
Ciò sentenno la sii Sardella
s’affacciaje a la fenestrella,
fece n’uocchio a zennariello
a lo speruto ’nnammoratiello.

Ma la Patella che steva de posta

la chiammaje faccia tosta,
tradetora, sbrevognata,
senza parola, male nata,
ch’avea ’nchiantato l’Alletterato
primmo e antico ’nnanunorato;
de carrera da chisto jette
e ogne cosa ’Ile dicette.

Quanno lo ’ntise lo poveriello
se lo pigliaje Farfariello;
iette a la casa e s’armaje a rasulo,
se carrecaje comm’a no mulo
de scoppette e de spingarde,
pòvere, palle, stoppa e scarde;
quatto pistole e tre baionette
dint’a la sacca se mettette.

’Ncopp’a li spalle sittanta pistune,
ottanta mbomme e novanta cannune;
e comm’a guappo Pallarino
jeva trovanno lo Guarracino;
la disgrazia a chisto portaje
che mmiezo a la chiazza te lo ’ncontraje:
se l’afferra po crovattino
e po ‘lle dice: «Ah malandrino!

«Tu me la lieve la ’nnammorata
«e pigliatella sta mazziata».
Tùffete e tàffete a meliune
le deva pàccare e secuzzune,
schiaffe, ponie eperepesse,
scoppolune, fecozze e conesse,
scerevecchiune e sicutennosse e
ll’ammacca osse e pilosse.

Venimmoncenne ch’a lo rommore
pariente e amice ascettero fore,
chi co mazze, cortielle e cortelle,
chi co spate, spatune e spatelle,
chiste co barre e chílle co spite

chi co ammènnole e chi co antrite,
chi co tenaglie e chi co martielle,
e chi co torrone e sosamielle.

Patre, figlie, marite e mogliere
s’azzuffajeno comrn’a fere.
A meliune correvano a strisce
de sto partito e de chillo li pisce.
Che bediste de sarde e d’alose!
De palaje e raje petrose !
Sàrache, diéntece ed achiate,
scurme, tunne e alletterate!

Pisce palumme e pescatrice,
scorfene, cernie e alice,
mucchie, ricciòle, musdee e mazzune,
stelle, aluzze e storiune
merluzze, ruongole e murene,
capodoglie, orche e vallene,
capitune, aùglie e arenghe,
ciéfere, cuocce, tràecene e tenghe.

Treglie, trèmmole, tratte e tunne,
fiche, cepolle, laune e retunne,
purpe, secce e calamare,
pisce spate e stelle de mare,
pisce palumme e pisce prattielle,
voccadoro e cecenielle,
capochiuove e guarracine,
cannolicchie, òstreche e ancine.

Vòngole, cocciole e patelle,
pisce cane e grancetielle,
marvizze, màrmure evavose,
vope prene, vedove e spose,
spinole, spuonole, sierpe e sarpe,
scàuze, ’nzuoccole e co le scarpe,
sconciglie, gàmmere e ragoste,
vennero ’nfìno cole poste,

capitune, sàure e anguille,
pisce gruosse e piccerille,
d’ogni ceto e nazione,
tantille, tante, cchiù tante e tantone.
Quanta botte, mamma mia!
che se divano, arrassosia
a’ centenare le barrate!
a’ meliune le petrate!

Muorze e pizzeche a beliune!
A delluvio li secuzzune!
chi co ammènnole e chi co antrite,
chi co tenaglie e chi co martielle,
e chi co torrone e sosamielle.

Patre, figlie, marite e mogliere
s’azzuffajeno comrn’a fere.
A meliune correvano a strisce
de sto partito e de chillo li pisce.
Che bediste de sarde e d’alose!
De palaje e raje petrose !
Sàrache, diéntece ed achiate,
scurme, tunne e alletterate!

Pisce palumme e pescatrice,
scorfene, cernie e alice,
mucchie, ricciòle, musdee e mazzune,
stelle, aluzze e storiune
merluzze, ruongole e murene,
capodoglie, orche e vallene,
capitune, aùglie e arenghe,
ciéfere, cuocce, tràecene e tenghe.

Treglie, trèmmole, tratte e tunne,
fiche, cepolle, laune e retunne,
purpe, secce e calamare,
pisce spate e stelle de mare,
pisce palumme e pisce prattielle,
voccadoro e cecenielle,
capochiuove e guarracine,
cannolicchie, òstreche e ancine.

Vòngole, cocciole e patelle,
pisce cane e grancetielle,
marvizze, màrmure evavose,
vope prene, vedove e spose,
spinole, spuonole, sierpe e sarpe,
scàuze, ’nzuoccole e co le scarpe,
sconciglie, gàmmere e ragoste,
vennero ’nfìno cole poste,

capitune, sàure e anguille,
pisce gruosse e piccerille,
d’ogni ceto e nazione,
tantille, tante, cchiù tante e tantone.
Quanta botte, mamma mia!
che se divano, arrassosia
a’ centenare le barrate!
a’ meliune le petrate!

Muorze e pizzeche a beliune!
A delluvio li secuzzune!

Non ve dico che bivo fuoco
se faceva per ogni luoco!
Ttè, ttè, ttè, ccà pistulate!
Ttà, ttà, ttà, llà scoppettate
Ttà, ttù, ttù, ccà li pistune!
Bu, bu, bu, llà li cannune !

manca mo lo sciato;
sicché dateme licienzia,
graziosa e bella audienzia,
’nfì che sorchio na meza de seje,
co salute de luje e de leje,
ca se secca lo cannarone
sbacantànnose lo premmone.
Ma de cantà so già stracquato
e me
Parte la seconda residenza del progetto Appia 2030 per la progettazione di spazi creativi lungo la Via Appia ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it