mercoledì 2 marzo 2016

iano di riordino ospedaliero, appello per l’ospedale di Martina Franca

Piano di riordino ospedaliero, appello per l’ospedale di Martina Franca firmato da  otto sindaci, tra cui quelli di  Villa Castelli, Ceglie Messapica, Cisternino.

I fatti diranno se il Piano di Riordino ospedaliero approvato dalla  Regione Puglia sia funzionale soprattutto alle esigenze delle comunità pugliesi. Perché il vero punto di domanda è proprio questo, in caso contrario assisteremmo ad altre scelte  sbagliate e dannose,  ulteriori per il territorio pugliese. Intanto, registriamo di ora in ora proteste, ricorsi, prese di posizione. Inevitabilmente, una decisione legata ad una realtà ospedaliera va poi ad influire su realtà e situazioni circostanti. E’ bene che Emiliano e la sua maggioranza di Centro  Sinistra non sottovalutino il problema.

Riceviamo e pubblichiamo una lettera- appello per l’ospedale di Martina Franca    firmata da otto sindaci e indirizzata a Michele  Emiliano: Michele Longo, sindaco di Alberobello, Luigi  Caroli sindaco di Ceglie Messapica, Donato Baccaro, sindaco di  Cisternino, Egidio Ippolito, sindaco di Crispiano, Tommaso Scatigna sindaco di  Locorotondo, Francesco Ancona sindaco di Martina  Franca, Angelo Miccoli sindaco di Statte, infine Vitantonio Caliandro  primo cittadino di  Villa Castelli.

“ In relazione al Piano di Riordino Sanitario regionale, i sindaci dei Comuni firmatari,
premesso che intorno al  Presidio Ospedaliero  insistono  i comuni di  Locorotondo, Alberobello, Crispiano, Ceglie Messapica, Villa Castelli, Cisternino, Statte;
che serve  un territorio diffusamente abitato di circa 800 kmq e che garantisce il diritto alla salute a circa 155.000  persone;
avendo  appreso che nel  Piano di  Riordino Ospedaliero varato dalla Giunta  regionale in data 29 febbraio l’ospedale Villa D’Itria di Martina Franca è stato individuato come ospedale di base rafforzato dal mantenimento di servizi esistenti;
considerato che dal 1 gennaio al 31  dicembre 2015 ha  praticamente contato   97.700 accessi al Centro Unico di prenotazione (rispetto agli 80.600 di  Manduria   e ai 60.200 di Castellaneta);
tenuto conto che sono stati recentemente ristrutturati i reparti di ginecologia, ostetricia, neonatologia; che sono stati realizzati la terapia intensiva post operatoria e  la nuova sala parto (ancora mai aperta ); che stanno per essere consegnati nuovi reparti ristrutturati (tra cui urologia, radiologia e pediatria); che sono state avviate le procedure di gara per il reparto di rianimazione;  
dando atto che sono stati confermati gli investimenti  in corso;
Interpretando i bisogni delle popolazioni amministrate, chiedono di operare affinchè   il Presidio Ospedaliero Valle D’Itria sia  individuato come Ospedale di  primo livello per consentire  alla  Regione di continuare ad investire in termini di posti letto, personale e servizi tali da  garantire una sempre maggiore e qualificata offerta di servizi sanitari a tutela del diritto alla salute delle nostre popolazioni “.

Articolo di  Ferdinando  Cocciolo.   

“La Porta magica di Roma, simbolo dell’alchimia occidentale”. Il monumento verrà illustrato ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it