Riordino ospedaliero. Il Comitato Civico "Vivere in Movimento" pronto a denunciare il Presidente della Regione Puglia

domenica 6 marzo 2016
Riceviamo e pubblichiamo, per dovere di cronaca e diritto all'informazione, il comunicato stampa pervenuto dal sig. Raffaele Tafuro, presidente del Comitato Civico Vivere in Movimento.

di seguito il testo integrale del comunicato stampa 

Il Comitato Civico Vivere in Movimento comunica che in data 04 marzo 2016 si è riunito  il direttivo con ordine del giorno -fermare le chiusure dei numerosi presidi ospedalieri in terra di Puglia.  Alla fine dei lavori è stato redatto e deliberato un documento con cui il comitato si dichiara pronto a denunciare il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano e tutti i responsabili della redazione del  nuovo piano di riordino ospedaliero che, se adottato, andrebbe a violare gli articoli 28 e 32 della Costituzione Italiana (salvo altri).

L'articolo 28 della Costituzione Italiana cita: i funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti (qui la violazione del diritto di privare i cittadini dei presidi ospedalieri al servizio della comunità). In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici.

Chiudendo gli ospedali si violano i diritti di intere comunità cittadine e di conseguenza si incappa in un altra denuncia per violazione dell'articolo 32 che cita: la Repubblica Italiana tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. (qui la violazione del diritto alle cure di indigenti e  malati alle prese con patologie che necessitano di cure continue, costretti al grande disagio della mobilità).

Inoltre che il nostro staff tecnico scientifico composto da persone esperte in materia (medico/legale/finanziario) è al lavoro da alcune settimane per garantire ogni forma legale a contrastare la chiusura di ogni singolo ospedale e a proporre idee percorribili.

Il Presidente Tafuro: noi di Vivere in Movimento avremmo in tal proposito alcune idee percorribili e di facile attuazione, in particolare:

1. tagliare tutte le spese superflue controllando reparto per reparto 24h semplicemente inserendo telecamere (nel rispetto della legge 675/96 e successive modifiche);

2. recuperare e azionare tutti i macchinari "e non" collocati nei sotterranei e nei posti più impensabili per poi venderli e/o noleggiarli ad altre strutture ospedaliere;

3.  ingaggiare i più quotati Medici luminari anche di fama internazionale al fine di collocarli (anche periodicamente)  in ogni presidio ospedaliero soggetto della chiusura;

4. realizzare strutture alberghiere low cost utilizzabili perlopiù dai parenti dei degenti, valorizzando parte delle strutture ospedaliere inutilizzate. 
   
Siamo certi che adottando e mettendo in pratica questi quattro punti fondamentali il nostro Presidente Emiliano, in soli tre anni, potrà rendere l'Azienda Sanitaria uno dei fiori all'occhiello della nostra amata Puglia.       

Raffaele Tafuro Presidente di Vivere in Movimento



Altri articoli
Terza domenica di luglio: festa del Redentore a Venezia e festa anche nel castello di Mesagne (Brindisi), ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it
Moviweb: Web Marketing - Siti web - Ecommerce