mercoledì 6 aprile 2016

Presentati i tre candidati ufficiali alle primarie di coalizione nel fronte moderato.

Presentati i tre candidati ufficiali alle primarie di coalizione nel fronte moderato. Angela  Carluccio (Noi Centro - Brindisini prima di Tutti), Pietro Guadalupi (Conservatori e Riformisti), Vincenzo Boccuni (Impegno  Sociale).  Rinuncia, per i Repubblicani, Antonio  D’ Autilia.

La coalizione del fronte moderato svela definitivamente le proprie carte in vista delle annunciate primarie del 10 aprile, e con qualche sorpresa. A mezzogiorno, presso una sala bar di Palazzo Nervegna, sono stati presentati alla stampa i tre candidati ufficiali che affronteranno le primarie di coalizione.

L’avvocatessa Angela  Carluccio per Noi Centro e Brindisini prima di Tutti, il giovane Pietro Guadalupi per i Conservatori e Riformisti, il dott. Vincenzo Boccuni  per Impegno Sociale.  Dunque, rispetto ai cinque candidati iniziali già preannunciati nei giorni scorsi, esce  praticamente di scena il dott. Antonio  D’Autilia (sino a poche ore fa candidato per i Repubblicani) e Impegno Sociale ha il suo candidato in Vincenzo Boccuni, inizialmente  annunciato per conto della lista “Democratici per Brindisi”.

“Repubblicani e Democratici per Brindisi non hanno i loro candidati alle primarie, ma  sono parte integrante della coalizione e naturalmente daranno il loro contributo a queste primarie – ha affermato Salvatore Brigante, ex Consigliere Comunale del Partito  Democratico che, insieme ad altri ex consiglieri comunali, fa parte della lista Democratici  per Brindisi ed è un punto di riferimento nella predisposizione di liste e candidati.

Proprio di Brigante l’intervento introduttivo per illustrare i programmi e obiettivi della  nuova coalizione.  Un’occasione, a proposito del Partito Democratico, per dei chiarimenti.  “A  chi in questi giorni  ha posto dubbi sulla nostra coalizione parlando tra l’ altro di    
“fritto misto”, rispondo che siamo convinti del nostro progetto, fatto evidentemente di gente che ha storie politiche diverse, ma persone per bene che vogliono contribuire al rilancio della città.  E sarebbe opportuno che qualcuno guardasse in casa propria, a proposito di incoerenza, confusione, “fritti misti”. E qui nessuno può parlare di conflitti di interesse. Per ognuno di noi parla la propria storia. Posso già affermare,  a nome della coalizione, che in piena campagna elettorale, subito dopo le primarie di domenica  prossima, nessun rappresentante dell’ Enel andrà a sedersi in prima fila durante una nostra iniziativa. Sia chiaro, noi vogliamo dire basta, definitivamente,  alla   “città del carbone”.
La nostra storia, anche di chi ha quindi occupato gli scranni comunali nelle file del Partito Democratico, dice, ad esempio, che tra il 2007 e il 2008  siamo stati fermi oppositori di chi voleva bruciare  i rifiuti a Brindisi nel termovalorizzatore. Ciclo dei rifiuti,  rigenerazione urbana, creare opportunità di lavoro per i giovani, arrivare finalmente alla realizzazione definitiva del tanto atteso Pug, servizi sociali e problematiche dei diversamente abili. Questi, alcuni degli importanti  obiettivi che questa coalizione vuole realizzare”.

E alla precisa domanda di una collega  giornalista appunto sul Partito Democratico, ecco la risposta di  Brigante:  “Il sottoscritto,  Enrico Latini  e Luciano Loiacono, sono ancora iscritti al Partito Democratico, non vedo dove è il problema. Il Pd non è un partito di pochi, ma degli iscritti, simpatizzanti e dei cittadini. Vogliamo portare avanti questo progetto, anche per rispondere a quanto sta attualmente succedendo ad un partito a cui è stata praticamente imposta la scelta Nando Marino. Il Pd ha nel suo dna  le primarie, ma questo traguardo, emblema di democrazia, non è stato rispettato”. Concetto ripreso dall’ ex   Presidente del Consiglio Comunale Luciano Loiacono:  “andate a vedere  lo statuto  del  Pd Brindisi, in cui si fa riferimento proprio all’ importanza irrinunciabile delle primarie”.

“Non ho nulla contro la persona  Nando Marino, che è persona per bene – precisa   Salvatore Brigante.  Ma non rappresenta assolutamente la storia  del Centro Sinistra e del Partito  Democratico e si troverebbe da primo cittadino in situazioni molto particolari.
L’ultima  amministrazione ha fatto pagare l’ ICI all’Enel, che farà Marino, con la  Multinazionale che è sponsor della squadra di  basket ?  “.

Ed ecco gli interventi attesi dei candidati  alle primarie, abbastanza emozionati.  

Pietro Guadalupi, già  Vice Presidente del Consiglio Comunale negli ultimi quattro anni, prima in Forza Italia  e poi nei Conservatori e Riformisti. Insomma, un giovane, ma diremmo  “esperto”, che appare determinato.  “Qui  si apre un’altra storia , che non ha nulla a che fare con il recente passato e con quanto è avvenuto o sta avvenendo nel   Partito Democratico.  Abbiamo anche posizioni e opinioni diverse, in questa coalizione, ma vogliamo essere squadra. Non c’è più tempo da perdere”.

Un Pietro Guadalupi  che non esclude anche la partecipazione di altre forze politiche, anche di Centro Destra, al nuovo progetto politico. Una notizia, anche se nelle scorse ore, proprio Luigi  Vitali, in un intervento, ha rilanciato un duro attacco ai Conservatori e  Riformisti.

La candidata di Noi Centro Ferrarese e Brindisini prima di Tutti  Angela Carluccio si sofferma sulla parola rassegnazione.  “In questa città bisogna combattere la rassegnazione, di chi ha perso il posto di lavoro, non ha una casa, insomma non crede più alla politica.  Il fare e la concretezza,  queste sono le direzioni da prendere, a cui, anche come carattere, mi riferisco.  Certamente, la candidatura di una donna è un bel segnale, di quella ricerca di novità e rinnovamento fondamentale per  Brindisi”.

Per Noi Centro, (lo ricordiamo, movimento creato da Massimo Ferrarese) era anche presente l’ex  Consigliere Comunale Toni  Muccio.   “Lo ammettiamo, qualcosa  non  ha funzionato perfettamente nell’avviare questo ambizioso progetto, con anche qualche  individualismo.  Ma ormai ci siamo, e si avvicinano queste primarie che sicuramente  saranno esempio di forte partecipazione e democrazia. Saranno allestiti 13 gazebo nei  vari quartieri,  dove chi  lo vorrà potrà esprimere  la propria preferenza”.

Ed infine, il candidato di Impegno Sociale Vincenzo Boccuni  che, tra l’altro, fa riferimento al degrado  ambientale della città. “La problematica rifiuti è ormai grave e insopportabile.  Se facciamo un giro in città, vediamo un vero e proprio  “lager “.  Si deve dare tanta importanza alle periferie, che sono il patrimonio della città”.

Articolo di Ferdinando Cocciolo.  










 È ora disponibile il programma completo per il 2023 delle visite guidate gratuite presso la Casa di ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it