domenica 10 aprile 2016

Presentata la coalizione di sinistra Brindisi Smart. “ Entusiasmo e onestà intorno a Riccardo Rossi”.

“Se il buongiorno si vede dal mattino”……la nuova coalizione di  sinistra    “ Brindisi  Smart per una città sostenibile e solidale “, presentata ufficialmente sabato sera a Brindisi  in Piazza Vittoria, se la gioca, in una campagna elettorale, tra l’ altro, alquanto strana, dove di     anomalie , stranezze, incertezze, colpi di scena, polemiche,   rottura  di  “ schemi consolidati”  se ne stanno vedendo

Ma  a dare speranze  e spinta  alla coalizione  che ha  Riccardo  Rossi candidato  sindaco ( costituita da Brindisi Bene  Comune, Act, Rifondazione  Comunista,   Sel- Sinistra   italiana, Comitato Possibile) è soprattutto la partecipazione, in qualità  e qualità, di  cittadini  attenti, motivati, speranzosi. Con la consapevolezza , che dovrebbe appartenere a tutti, che si deve cambiare rotta, far recuperare   credibilità  e legalità ad una città che ha  sin troppo bisogno di  onestà  e capacità.

Brindisi Smart, un nome alla coalizione  non scelto a caso, come ha ribadito l’ attivista  di  Brindisi Bene Comune  Anna  Maria Calabrese, nel suo intervento introduttivo a quelli dei  vari rappresentanti della coalizione e, soprattutto,  all’ atteso candidato sindaco.   “ Brindisi  Smart, dove ogni lettera  racchiude un significato, un obiettivo di questo ambizioso  percorso -  ha affermato  Anna  Maria Calabrese. Smart  per  Sviluppo solidale,  Mobilità sostenibile, Ambiente   e  Cultura, Rifiuti  zero,  Trasparenza”.

Del resto, gli obiettivi e programmi a cui ha sempre guardato, da quattro anni a questa parte, il movimento Brindisi   Bene  Comune  nell’ esperienza dell’ amministrazione comunale targata Mimmo Consales.  Brindisi   Bene  Comune  che, come afferma   Rubina   Ruggiero,   attivista che ha deciso di scendere in campo    “per la sua città”,  ”è stata la vera opposizione”.

Brindisi, dove troppe continuano ad  essere le ingiustizie, le differenze.  Realtà non più accettabile, a cui fa riferimento, in un intervento significativo e emblematico, il  direttore emerito della  Caritas   Bruno Mitrugno.      “ Sono qui per sostenere  il progetto politico che vede   Riccardo Rossi candidato sindaco.  Brindisi  Bene Comune ha già dimostrato  in Consiglio Comunale di lottare per gli ultimi.  E in questa città  la povertà  e la disperazione non hanno più bisogno di sussidi  ed elemosine, ma di fatti concreti e una politica diversa.  Pensate, ogni giorno, alla Caritas  brindisina ci vanno  250 famiglie  circa che chiedono un pasto caldo, 92.000  in un anno. Dati spaventosi, inequivocabili, per cui  si deve lottare.   In  questa città, si  è sin troppo dato a pochi e tolto a tanti.  E vogliamo parlare delle periferie, dove regna  il degrado sociale  ed economico?  Situazioni che il sottoscritto ha più volte denunciato, dove la criminalità  in sostanza entra  dentro le sofferenze  e la disperazione dei più bisognosi. I cittadini brindisini hanno bisogno di speranze, e  Riccardo Rossi è indubbiamente  l’ unico candidato sindaco  che può  ridarle”.

“ Una città vittima di lobby, forti interessi  e delle multinazionali”,  concetto  evidenziato da  Claudia   Nigro di Rifondazione Comunista e da anni impegnata anche nel sindacato.   “  La coalizione costituita da  Brindisi Bene Comune e Sinistra   italiana ( in pratica sono queste due liste che correranno con il simbolo) è l’ unica  coerente, con valori e principì, che si distingue  dagli altri raggruppamenti  politici fatti  di  affarismi  e interessi particolari.   Qui  l’ occupazione non può più essere garantita  dalle multinazionali che fanno e disfano, togliendoci quasi tutto  anche sotto il  profilo ambientale.  Si deve ridare linfa vitale alle piccole e medie realtà  e imprese che possono dare lavoro, rideterminando così   equità e pari dignità”.

Gli  altri  interventi quelli di  Gianni Masiello ( Brindisi Bene Comune),  Federica    Stamerra  ( Comitato  Possibile), Pasquale  Barba( Sel- Sinistra  italiana), Luca  Ruggiero ( Act).  E quello, molto duro, di Giuseppe Cellie, Brindisi  Bene Comune :  “ Noi   siamo in campo per combattere i mafiosi, i lobbysti, chi pensa solo ai propri interessi”.

Infine,  il tanto atteso intervento di Riccardo Rossi, apparso commosso ma molto determinato, che non le manda a dire.   “  Abbiamo scelto il nome della coalizione  Brindisi  Smart, perché vogliamo una città diversa, intelligente.  Vogliamo presentare una concreta possibilità di cambiamento che consenta a  Brindisi di trasformarsi da un paese di 90.000 abitanti ad una moderna città europea. Una città dove  tutto sia all’ avanguardia, con piste ciclabili e  trasporti pubblici efficienti, dove si pensi all’ ambiente e alla cultura. Si devono rilanciare  realtà  come la Cittadella della  Ricerca e porto e aeroporto devono diventare infrastrutture essenziali per un ‘ economia  del turismo”.

E poi  il durissimo attacco alle altre coalizioni :   “la coalizione che ha Nando Marino  candidato sindaco  non rappresenta altro che la riedizione del laboratorio politico targato   Consales- Ferrarese, con gli stessi sindaci.  Da una parte  Ferrarese, dall’ altra   Marino, che si scontrano tra  loro  portando avanti solo i loro interessi e mettendo in grande difficoltà la città. Mandiamoli a casa”.

 

 Articolo  di  Ferdinando  Cocciolo. 

 

Foto di    Mario  Carlucci

 NUOVO TEATRO VERDI: LA STAGIONE DELLA RINASCITA Il Teatro non è come la vita,  il Teatro ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it