lunedì 11 aprile 2016

Simona Pino D'Astore. Progetto: una Famiglia In Prestito

Brindisi vive ormai da troppi anni, la tragedia di un impoverimento sempre maggiore delle famiglie,  i cui componenti non riescono a trovare una collocazione lavorativa o la perdono dopo aver avuto dei figli.

Le amministrazioni che si sono succedute non hanno garantito nulla ai cittadini se non con posti di precari, condannando la città ad un ricatto occupazionale che l’ha condizionata nelle scelte anche e soprattutto elettorali: utilizzati come contenitori di voti, trattati come esseri senza dignità, acquistati come merce al mercato. Se “pagano” il vostro voto, ricordatevelo, non vi devono più nulla; se “pagano” il vostro voto e perché sanno di non meritarlo; se “pagano” il vostro voto devono recuperare “ l’investimento” una volta che si sono insediati.

Brindisi accusa oggi i colpi inferti da 20 anni di disamministrazione o, in almeno 3 casi,  di “amministrazione a delinquere”. E’ chiaro che la democrazia rappresentativa ha fallito, ha tradito gli elettori, non può più essere una strada percorribile in senso assoluto. Per uscire da questo girone infernale nel quale siamo piombati esiste un modo semplice: ripartire dal basso.

Il popolo deve ritornare sovrano, andando ad amministrare personalmente la Casa Comunale, ognuno con le proprie competenze e lasciando a casa sua chi ha saccheggiato le nostre tasche per decenni. Con uno scatto d’orgoglio tutto brindisino, riconquistando la dignità che gli è stata sottratta. Nella nostra idea di città, c’è una “Brindisi che aiuterà Brindisi” a risollevarsi, risanando le sacche di povertà, nell’attesa della realizzazione di progetti a medio termine che ricostituiranno le casse del comune e creeranno nuovi posti di lavoro.  Esiste un progetto, già attuato in altri comuni e funzionante, che contribuirà a colmare il gap da sempre esistente tra famiglie considerate di serie A e di serie B, riporterà coesione sociale e riscoperta di quei valori che, da sempre, contraddistinguono i miei concittadini: solidarietà, amicizia, amore per la propria terra. I bambini non avvertono le differenze con i loro coetanei e noi ripartiremo da loro, per costruire una Brindisi migliore. Abbiamo pensato al progetto: “Una Famiglia in Prestito”.

Le famiglie brindisine che ne hanno la possibilità economica si impegneranno a prendere in affidamento familiare con una accoglienza temporanea nella propria casa e nella propria vita di un bambino, di un ragazzo o di una famiglia Durante l'affidamento rimarrà ovviamente saldo il legame fra il bimbo, il ragazzo e la sua famiglia di origine.
Si tratta, in sostanza, di un aiuto alla famiglia di origine, lasciandole il tempo che le è necessario per affrontare e risolvere i suoi problemi, appoggiata e sostenuta dai Servizi sociali del comune e sanitari. Questa tipologia di affidamento è disciplinata dalla legge 184/83 così come modificata dalla legge 149/2001 e prevede due tipi di affidamento:

1.Residenziale: quando il bambino trascorre con gli affidatari giorno e notte pur mantenendo rapporti periodici con la propria famiglia

2.Diurno: il bambino trascorre con la famiglia affidataria parte della giornata, ma a sera torna a casa dai suoi genitori.

Il comune, attraverso l’assessorato alle politiche sociali, creerà una Casa dell’Affidamento dove fare incontrare le famiglie e fare il training. Prevederà inoltre un  contributo alle spese da riconoscere agli affidatari con possibilità di aumento in relazione a gravi problematiche (es. disabilità).

Ricordiamoci che facciamo parte di un Comune premiato con la Medaglia d’Oro al Valor Civile proprio per qualcosa di simile avvenuto nel 1991, all’epoca dell’esodo albanese. Brindisi ebbe notorietà nel mondo per esempio di solidarietà, mentre ora si parla di noi solo quando ci arrestano il sindaco per corruzione.









 NUOVO TEATRO VERDI: LA STAGIONE DELLA RINASCITA Il Teatro non è come la vita,  il Teatro ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it