martedì 19 luglio 2016

Fasano. Chiusura pediatria, nota dell'Avv. Raffaele Trisciuzzi

Puntuale come un orologio svizzero a conclusione delle elezioni, arriva la notizia del blocco dei ricoveri in pediatria per l’Ospedale di Fasano, l’anticamera della sua chiusura definitiva. Tale decisione fa seguito al piano di riordino di Michele Emiliano (PD) già reso noto nei mesi scorsi prima delle elezioni, che dimentica Fasano e premia Francavilla Fontana.

A questa scelta logicamente inspiegabile erano già seguite le proteste di tantissimi cittadini, in particolar modo del Comitato Ospedale Salute Ambiente Fasano, il quale aveva raccolto ben 6000 firme per opporsi alla chiusura del reparto e attraverso il Dott. Franco Mastro aveva anche organizzato un incontro dibattito con i candidati sindaci per un confronto sul tema.

Ci si chiede adesso come il sindaco Zaccaria e il dott. Mastro  eletti nelle fila del Partito Democratico dello stesso Michele Emiliano, vogliano reagire alle decisioni regionali dei loro compagni di partito, che non considerano i fasanesi meritevoli di tutela del diritto alla salute, preferendo evidentemente gli abitanti di Francavilla Fontana per ragioni ancora ignote.

Ci si domanda se la nuova giunta e i consiglieri comunali che hanno sostenuto il Partito Democratico alle recentissime elezioni meno di qualche settimana fa, siano indignati dinanzi alle scelte politiche dei loro rappresentanti, ivi compreso il consigliere regionale Amati e il senatore Latorre, che solo qualche giorno fa con un tre ruote percorrevano in lungo e in largo la città di Fasano per raccogliere voti e consensi.

Ancora, ci  si domanda se le cosiddette liste civiche a sostegno del Pd, soprattutto il Movimento InComune, il quale negli anni scorsi era stato pronto a protestare e agitare le folle contro il piano di riordino ospedaliero, come intenda difendere il territorio di Fasano dalle scelte politiche del Partito Democratico al quale oggi si associa come forza governativa.

A tutti questi dubbi e all’incoerenza dimostrata già a pochi giorni dalla fine della tornata elettorale, il primo “taglio” della politica del Partito Democratico, non è di certo un “taglio col passato”, ma un “taglio” ai diritti della comunità fasanese. Infatti in questo la politica fasanese si è dimostrata assolutamente coerente, ciò che ha promesso prima delle elezioni, ha immediatamente disatteso dopo, a prescindere dalle bandiere, dai simboli e dai vessilli.

Il Movimento 5 Stelle di Fasano è disponibile a sostenere qualsiasi iniziativa di protesta di qualsivoglia comitato, movimento o gruppo informale di persone, senza formulare alcun tipo di compromesso con le forze politiche che dimostrano di voler aggredire e depauperare i diritti dei fasanesi, sprezzanti anche del diritto alla salute dei bambini, come in questo caso.

Riteniamo che i Cittadini debbano una volta e per tutte sottrarsi ai soliti tavoli tecnici e ai classici incontri con esperti, atteso che tali iniziative sino ad oggi si sono tradotte nelle solite inutili passerelle politiche dei noti parolieri abituati a parlare di cose che non esistono: ad esempio di nuovi ospedali di cui oggi non si vede nemmeno l'ombra uno scavo.

Avv. Raffaele Trisciuzzi
 “Dio è morto e neanch’io mi sento tanto bene” è il titolo del nuovo spettacolo ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it