giovedì 22 marzo 2018

Loredana Capone apre la sessione pomeridiana della seconda giornata di ilmarediPuglia

Seconda giornata del Forum internazionale sulla blue economy, seconda sessione - Capone: “Il mare una grande risorsa da valorizzare con politiche integrate"

“La risorsa mare, oltre che come balneazione, deve essere intesa come comunicazione, storia e cultura, civiltà, natura e deve essere integrata con altri prodotti turistici”. 

Così l’assessore regionale all’Industria turistica e culturale Loredana Capone ha aperto la sessione pomeridiana del Forum internazionale sulla Blue Economy, organizzato dalla sezione Internazionalizzazione della Regione Puglia in collaborazione con Puglia Sviluppo e Arti Puglia e in corso di svolgimento nel padiglione istituzionale della Regione Puglia alla Fiera del Levante. 

“Si tratta  - ha spiegato l’assessore Capone - di creare le opportune connessioni, per costruire l’immagine di un prodotto non più incentrato solo sul mare. L’offerta balneare della Puglia può diventare molto ricca, fortemente esperienziale e in grado di cogliere anche quella ricerca di benessere e di vacanza attiva che rappresenta una delle più forti tendenze nella domanda turistica attuale.  

Il lavoro che occorre svolgere nei prossimi mesi sul prodotto turistico Mare in Puglia, si dovrà, quindi, sviluppare su due direttrici. Da un lato il miglioramento delle attività e dei servizi già in essere durante i mesi estivi. Dall’altro l’implementazione e l’aggregazione degli elementi turistici costieri con l’offerta integrata di altri prodotti turisticamente rilevanti come i borghi storici o eventi culturali e gastronomici di rilievo. Inoltre l’offerta di intrattenimento di qualità, che ormai caratterizza la destinazione Puglia durante i mesi estivi, andrebbe resa più appetibile tutto l’anno.

La nascita di DMO #MarePuglia365, in distretti pubblico privati, potrebbe accelerare i processi di valorizzazione e realizzazione del prodotto turistico mare e agganciarsi con più efficacia alle dinamiche di promozione dell’agenzia regionale del turismo. Solo così il mare di Puglia diventa competitivo rispetto agli altri Paesi mediterranei che con il turismo low cost sono diventati nostri competitor aggressivi”.

“Un altro aspetto importante  - ha continuato Loredana Capone - riguarda i porti che sono il primo biglietto da visita della Puglia, strategici per invogliare il turista a conoscere le bellezze, la cultura, l’enogastronomia che possono incontrare addentrandosi nelle città e nelle aree interne.

L’accordo siglato con Pugliapromozione per una programmazione più strutturata dell’accoglienza che comprende tutti i porti pugliesi rappresenta un primo passo importante per lo sviluppo del mercato crocieristico in Puglia. Il passo successivo è rappresentato dalla integrazione dei diversi tipi di trasporto e ovviamente dalla corretta informazione e segnaletica multilingue. Hub multimodali ben integrati (aeroporti, terminal crociere, stazioni ecc) e strumenti come la biglietteria integrata, smart card e applicazioni di telefonia mobile, possono aiutare a gestire flussi di visitatori sempre maggiori. In tal modo si rafforza il ruolo del turista, incoraggiando anche il feedback per capire meglio sia i problemi che si incontrano che le azioni utili a migliorare la loro esperienza”.
 
Gli altri interventi della seconda sessione della seconda giornata

Carmelo Fanizza, Presidente Jonian Dolphin Conservation :  “Citizen science e blue growth: l’esperienza del dolphin watching a Taranto”

Dal 2009 la Jonian Dolphin Conservation svolge attività di ricerca scientifica e di tutela dei cetacei nel Golfo di Taranto - Mar Ionio Settentrionale. L’attività turistica svolta dalla J.D.C., è funzionale al reperimento delle risorse finanziarie necessarie a sostenere le attività di ricerca ed è parte integrante di un più ampio progetto di citizen science, ovvero, di partecipazione del pubblico nella ricerca scientifica promuovendo allo stesso tempo attività di educazione ambientale volte a tutelare il patrimonio marino e costiero ionico. l’Associazione JDC ha saputo coniugare ricerca scientifica ed attività turistica regalando a turisti nazionali e internazionali un’esperienza unica alla scoperta dei delfini – peraltro simbolo della città di Taranto – nel loro ambiente naturale, grazie alla guida esperta di ricercatori specializzati nello studio dei cetacei del Golfo di Taranto.

BREVE BIOGRAFIA DEL RELATORE 
È una delle 21 eccellenze nazionali scelta per rappresentare la Regione Puglia ad Expo 2015. Nel 2013 si è classificato al 1°posto nella sezione “Ricerca scientifica ed innovazione tecnologica” del Sea Heritage Best Communication Campaign Award. Attualmente impegnato nel progetto DOLPH-KIN con il Muséum National d’Histoire Naturelle di Parigi e con il Dipartimento di Biologia UNIBA; con il CNR - ISSIA di Bari stiamo sviluppando un innovativo sistema di analisi dei cataloghi fotografici utili alla foto identificazione. Dal 2013 svolgiamo corsi di Specializzazione, per la salvaguardia delle specie presso il Centro Addestramento Aeronavale Marina Militare Italiana.
 

Giuseppe Delle Foglie, Avvocato presso studio legale.Università degli Studi di Bari – Dipartimento Jonico in Sistemi Giuridici ed Economici del Mediterraneo 
Membro dell’Osservatorio giuridico sulla crescita blu (blue growth) : “Oasi Blu nel Golfo Di Taranto”

Le Oasi Blu possono rappresentare un’opportunità di sviluppo sostenibile delle zone costiere di pregio naturalistico, ma con forte impatto industriale come nel caso di Taranto, anche in funzione di una loro successiva trasformazione in Aree marine protette. La Regione Puglia ha previsto tale possibilità mediante l.r. n. 43/2017. L’Oasi Blu, quale anticamera di una successiva A.M.P., dovrà “guardare” alla riforma della Legge quadro sulle aree protette attualmente al vaglio del legislatore.


BREVE BIOGRAFIA DEL RELATORE 
Avvocato in Bari e cultore della materia in Diritto della Navigazione presso l’Università di Bari - Dipartimento Jonico in "Sistemi Giuridici ed Economici" del Mediterraneo, ha pubblicato saggi e note a sentenza in materia di diritto della navigazione e dei trasporti con particolare riferimento ai temi del demanio marittimo e della pianificazione costiera. E’ componente dell’Osservatorio giuridico sulla Crescita Blu (Blue Growth) – Uni.Ba.
 

Vincenzo Lavarra, Presidente  Parco Naturale Dune Costiere.Europarc AssociationComponente del Board : “Le aree naturali protette nello sviluppo di attività economiche sostenibili”

 
La dimensione e l’impatto del vecchio modello di sviluppo quantitativo mettono a rischio beni scarsi come acqua, aria, suolo. Coniugare la tutela delle risorse naturali e la creazione di nuove economie è una necessità. Chiede certamente una rinnovata funzione della sfera pubblica e un rapporto virtuoso con la iniziativa privata o di forme associate e cooperative. L’esperienza delle aree naturali protette e di quelle marine oltrepassa i loro confini per fornire indicazioni generali  per un nuovo modello di sviluppo. La tutela dell’ecosistema marino e delle coste accanto al necessario rinnovamento delle risorse naturali  può creare nuove opportunità per piccola pesca artigianale (attività complementare di pesca turismo e integrative di filiera corta del pescato ), fruizione di turismo sostenibile.

BREVE BIOGRAFIA DEL RELATORE 
È stato parlamentare europeo del 1999 al 2009 come vice presidente della commissione agricoltura e componente  della commissione pesca. È attualmente consigliere del ministro per la agricoltura. È presidente del parco regionale dune costiere e componete del board di Europarc association.

 
Francesco Minonne, Parco Naturale Regionale “Costa Otranto - Leuca e Bosco Di Tricase” Biologo, componente esperto del Comitato Esecutivo del Parco : “Turismo lungo costa: da fattore di minaccia ad opportunità di sviluppo sostenibile”
 

La costa rocciosa, da Otranto a S.M. di Leuca, a picco sul mare, esprime particolari valori paesaggistici e naturalistici; i paesaggi carsici con la miriade di grotte costiere, emerse, semisommerse e sommerse rappresentano veri e propri santuari di valenze geomorfologiche e rarità biologiche. Ricordiamo come in quest'area vi sia stata l'ultima presenza regionale del mammifero più raro d'Europa, la Foca monaca (Monachus monachus) e recenti avvistamenti fanno ben sperare sulle possibilità di un suo ritorno. Sempre in questi ambienti la fauna troglobia annovera diverse specie di rari invertebrati; endemiti pugliesi come Typhlocaris salentina, ed altri organismi che trovano nelle grotte condizioni di rifugio e sopravvivenza. La bellezza dei costoni rocciosi ed un ambiente marino suggestivo ed a tratti selvaggio, hanno visto, negli ultimi anni, un notevole incremento dell’attrattività turistica e sportiva; ciò sottopone questi ambienti a forti pressioni concentrate nella stagione estiva ma, al tempo stesso, offre possibilità di sviluppo che, se opportunamente guidato e condiviso con la popolazione locale può prendere la strada che tiene insieme la sostenibilità economica e quella ambientale. Alcuni esempi di buone pratiche hanno preso vita proprio in questo Parco. 

BREVE BIOGRAFIA DEL RELATORE 
Biologo, PhD in Ecologia Fondamentale ha condotto lavori di recupero e caratterizzazione biodiversità vegetale in Puglia ed in altri Paesi del  Mediterraneo come Francia, Albania ed Isole maltesi, pubblicando lavori scientifici,  testi e video di divulgazione agro-ambientale. Ha pubblicato articoli e volumi di ricerca e divulgazione scientifica nel settore indicato. Da nove anni è componente esperto del Comitato Esecutivo del Parco “Costa Otranto S.M. di Leuca e Bosco di Tricase”nell’ambito del quale si occupa di conservazione della natura e valorizzazione sostenibile delle risorse del territorio.

Maurizio Gatto, Presidente CAT SURF a.s.d. : “Se Bari avesse il Mare”

Il Mare e, in particolare, il lungomare sud della città di Bari sono luoghi dimenticati e mal concepiti, nonostante abbiano le potenzialità naturali per divenire luoghi di attuazione delle politiche del turismo sportivo.

BREVE BIOGRAFIA DEL RELATORE 
Presidente della CAT SURF as.d., da lui costituita 18 anni fa,  primo centro sportivo e scuola per la promozione e la divulgazione degli sport da scivolamento: windsurf; surf; kite e deriva/catamarano. Oltre alle pratiche sportive, Cat Surf si occupa di divulgare la cultura della tutela del mare contro ogni forma di illegalità. Cat Surf, atttualmente, è impegnato nella collaborazione, con cooperative e con il Comune di Bari, in attività per il reinserimento sociale e la formazione di soggetti svantaggiati.

 
“LA BELLEZZA NELLA LITURGIA, IL SUO DECADIMENTO E LA CRISI DELLA FEDE”: CONFERENZA CON MONS. NICOLA BUX A ...
informazioni utili

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it