giovedì 23 agosto 2018

Autigno. Continua la battaglia del Comitato Salute Ambiente e Territorio per ridare “dignità” ad una zona che continua ad essere abbandonata a se stessa.

Ogni  zona, porzione  di una città, di un territorio, per avere una propria dignità e importanza, necessità  di attenzioni, interventi, servizi. Ma, purtroppo, in alcuni casi ciò non avviene,  e soprattutto bisognerebbe andare  a vedere  e considerare tutti gli errori, le mancanze  da parte delle istituzioni. Situazioni, scenari  presi praticamente in eredità dalle nuove  amministrazioni che dunque devono fare i conti con le istanze e proteste dei cittadini, supportate da comitati, movimenti, associazioni. E’ il caso, ad esempio, delle  Contrade  Autigno, Formica, Mascava, Serranova, situate nella porzione di territorio tra  Brindisi e  San  Vito dei  Normanni.

Premessa, doverosa:  chi  scrive da diverso tempo si occupa di questa vicenda, e nel frattempo si sono susseguite  a Brindisi diverse amministrazioni comunali. Lo abbiamo sempre fatto, non per polemica nei riguardi di nessuno, ma per cercare di aiutare  i cittadini e  dare voce al  Comitato Salute  Ambiente e Territorio (guidato  da MaurizioTamborino)  che, tra l’ altro, ha avviato una serie di esposti e denuncie contro la presenza delle   Discariche. Una  vicenda  di cui naturalmente  si sta occupando la Magistratura, che dovrà decidere, stabilire  le responsabilità.  

Questa volta, ci  occupiamo, proprio in tema  di interventi e servizi, di quanto denunciato e segnalato, per l’ ennesima volta, dal  Comitato, nella speranza  e convinzione che   la nuova  amministrazione comunale brindisina e le istituzioni provvedano.

“Non abbiamo un servizio di raccolta rifiuti, non abbiamo impianti di illuminazione pubblica, non abbiamo impianti fognari, non abbiamo niente, ma paghiamo  tutto, tra Tari, Tares, ecc….” – afferma   Maurizio Tamborino. Uno scenario più volte denunciato, sia all’ amministrazione Laboratorio Politico Pd- Centristi  a guida Mimmo Consales  e sia  all’ Amministrazione Comunale  targata Angela Carluccio, e legato inevitabilmente  alla presenza delle  Discariche di Autigno (ancora sotto sequestro, per un esposto proprio del Comitato  Salute Ambiente  e Territorio e per le note vicende giudiziarie)  e quella  gestita dalla Società Formica  Ambiente. “E’  una zona già interdetta , l’acqua dobbiamo farla venire da fuori , i pozzi inquinati  e  a due passi praticamente dalla  famigerata  discarica  di  Formica  che lavora con i rifiuti  provenienti da Lecce. Una zona  dove si sentono quasi quotidianamente odori nauseanti”.

Dunque, come già affermato tra l’altro nei mesi scorsi dal  Commissario prefettizio al Comune di Brindisi Santi  Giuffrè, ad abbattere  il costo della  Tari per la comunità brindisina  sarà  il rispetto della raccolta differenziata.  Quella raccolta differenziata che  tuttavia manca  nella porzione di territorio tra  Brindisi  e San Vito  dei  Normanni, stanca di sentirsi   “di serie  B”.

Riportiamo  le istanze  e le problematiche segnalate, in attesa   della risposta da parte delle autorità  e organi competenti.

Articolo  di  Ferdinando  Cocciolo.       
 
GIORNATA INTERNAZIONALE DEI MUSEI (IMD) 2019 - MUSEO NAZIONALE E PARCO ARCHEOLOGICO DI EGNAZIA SABATO 18 e ...
informazioni utili

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it