martedì 22 gennaio 2019

Brindisi. Si è svolto venerdì scorso presso la Sala conferenze di Palazzo Nervegna il Convegno organizzato da ANISA “Arte Liberata dal Sequestro al Museo”.

Si  è svolto venerdì scorso presso la Sala conferenze di Palazzo Nervegna il Convegno  organizzato da ANISA “Arte Liberata dal Sequestro al Museo”. Quando si fondono Cultura,  Arte, Legalità.

A Brindisi e nel territorio,  si sta investendo molto sul significato della Cultura, quella con la C maiuscola,  quella portata avanti con una certa umiltà ma nel migliore dei modi,  attraverso  una condivisibile sinergia  tra le migliori risorse umane. E  la Cultura, l’ Arte, possono anche rappresentare elementi basilari per contrastare  l’ illegalità, le mafie, la criminalità organizzata.

E’  il messaggio che sta lanciando puntualmente la mostra allestita presso Palazzo Nervegna  a  Brindisi  (inaugurata lo scorso mese di dicembre e aperta sino al prossimo 15 febbraio)  “Arte Liberata”.  In sostanza, un’ importante collezione d’arte (composta da  69 opere di autori italiani e stranieri del XX e XXI  secolo)  che  rappresenta la “redenzione”  da un sequestro preventivo nel contesto di un procedimento   per gravi reati finanziari. Una collezione poi passata alla gestione dell’Agenzia Nazionale che praticamente  ritorna  a disposizione della collettività  sotto forma di contenitore e raccolta museale.

E  fateci caso, non è casuale  l’esposizione della mostra a Palazzo Nervegna, laddove  l’Amministrazione  Comunale di Brindisi, le varie associazioni, intendono continuare un percorso che vede tante iniziative e il pieno coinvolgimento della comunità  brindisina.  L’esposizione è  curata da Beatrice Bentivoglio e  organizzata dal  segretariato regionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali  in collaborazione con  l’ Agenzia Nazionale per le amministrazioni e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità  organizzata .

E  sui temi della mostra, il grande impatto che sta avendo appunto sulla comunità brindisina, si  è svolto  venerdì scorso il convegno  "Arte Liberata – dal Sequestro al Museo”, organizzato da  ANISA (Associazione Nazionale Insegnanti  di Storia dell’Arte), un vero e proprio  incontro di formazione  e aggiornamento per docenti e cittadini.  ANISA  ( di cui  è segretaria  nazionale la professoressa Giovanna Bozzi, docente di  Storia dell’ Arte), una bella  realtà  radicata  sui territori con l’ obiettivo di  valorizzare e incentivare l’ educazione alle arti visive in tutti gli ordini scolastici, attraverso “progetti di sperimentazione didattica e metodologica.”

Un evento che ha visto una folta partecipazione di pubblico, ulteriore dimostrazione di come, tutti insieme (sì, anche attraverso l’arte e la cultura) si  può combattere ogni fenomeno di criminalità  organizzata  e illegalità.

Dopo l’introduzione di Giovanna  Bozzi, vi sono stati  importanti  interventi. L’avvocato Ivana Coppi intervistata dalla giornalista e componente di ANISA Lecce Maria Agostinacchio); coadiutore Agenzia  Nazionale per l’ amministrazione e la destinazione  dei beni sequestrati  e confiscati alla  criminalità organizzata;  Carmelo Cipriani (docente di  Storia dell’Arte  Moderna  e storico dell’Arte) ; l’Assessore ai  Servizi Sociali del Comune di Brindisi Isabella Lettori; Roberto Covolo, Assessore alla Programmazione  Economica;  Mauro Masiello,  Assessore alla  Legalità e  Trasparenza .

La  nostra Video Intervista alla  Segretaria nazionale ANISA Giovanna Bozzi è esaustiva  sul significato  e importanza di  “Arte Liberata – dal  Sequestro  al  Museo”,  una grande iniziativa di  cui, statene certi, si continuerà  a parlare.

Foto e video  di   Marcello Altomare
Articolo di Ferdinando Cocciolo.   
MUSEO NAZIONALE  E PARCO ARCHEOLOGICO DI EGNAZIA   Sabato 21 settembre 2019   Ore 9.00 - Un tuffo ...
informazioni utili

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it