lunedì 6 luglio 2020

Reddito di cittadinanza: Comune di Brindisi non pervenuto!

Fa rabbia leggere che in alcuni Comuni della provincia di Brindisi, come Mesagne ed Ostuni, sono in corso di definizione Progetti di Utilità Collettiva per impiegare quanti percepiscono il reddito di cittadinanza mentre a Brindisi non si è ancora fatto nulla.

Eppure il Consiglio Comunale nel novembre scorso aveva approvato a larghissima maggioranza un mio ordine del giorno che favoriva l'utilizzo dei percettori del reddito di cittadinanza.

Ho più volto rivolto sollecitazioni alla Amministrazione Comunale per utilizzare appieno questa opportunità specie per la contrazione dei servizi sociali e culturali dovuta alla situazione di difficoltà economica in cui si dibatte il Comune di Brindisi.

Ma nulla si è ancora mosso!

Eppure la Legge prevede che quanti percepiscono questo tipo di sostegno al reddito debbano prestare attività lavorativa a beneficio del Comune di residenza per un minimo di 8 ore ad un massimo di 16 ore settimanali.

Si tratta di una grande opportunità per gli Enti locali che in questi ultimi anni si sono visti costretti a restringere la gamma dei servizi prestati ai cittadini a causa delle ristrettezze economiche.

E' possibile avviare Progetti di Utilità Collettiva nei settori della cultura, dei servizi sociali, dell'ambiente e della tutela dei beni comuni e senza alcun aggravio sul bilancio comunale se non il costo per l'assicurazione INAIL per i rischi di incidente sul lavoro e per le malattie professionali.

E' bene chiarire che non si tratta di una forma di sfruttamento dei lavoratori.

L'introduzione del reddito di cittadinanza è stata accompagnata da polemiche a non finire che spaziavano dalla critica al vantaggio che ne avrebbero ricavato i cosiddetti "furbetti del divano" al rischio paventato che di tale sostegno potessero beneficiarne anche quanti si erano macchiati di reati di diversa natura.

Essere impegnati in attività di valenza sociale può anche rappresentare una forma di riscatto per i percettori del reddito di cittadinanza che certamente preferirebbero entrare finalmente nel mondo del lavoro piuttosto che fare la figura di coloro che sono mantenuti a spese della collettività.

Mi auguro che seguendo l'esempio si altri Comuni del brindisino si passi finalmente ad elaborare i progetti. Penso alla possibilità di garantire aperture pomeridiane o festive dei musei e di tutti i luoghi che custodiscono importanti  testimonianze storiche, culturali ed artistiche. A forme di assistenza domiciliare agli anziani ed ai disabili. Ad una attività di vigilanza dei parchi e delle oasi protette, spesso impresidiate.

Insomma una opportunità che non può essere ulteriormente ignorata per ampliare i servizi ai cittadini e valorizzare le capacità dei percettori del reddito di cittadinanza che dall'utilizzo all'interno dei cosiddetti PUC potrebbero trarre esperienze e conoscenze utili a favorire il loro ingresso nel mondo del lavoro.


Gabriele ANTONINO Capogruppo PRI
 
 
Anche quest’anno, così come avvenuto nel 2019,  il Museo Archeologico “F.Ribezzo” di ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it