mercoledì 7 aprile 2021

Giornata Mondiale della Salute. Appello dell’Associazione SOS Villaggi dei Bambini

Le restrizioni sociali imposte dalla pandemia da Covid-19 hanno condizionato pesantemente la vita di tutti, in particolare quella di bambini e ragazzi: l’allontanamento forzato dagli amici, dalla scuola e dalle attività ludiche di gruppo hanno causato stress emotivo, ansie e preoccupazioni creando un potenziale rischio per la stabilità psico-emotiva delle nuove generazioni.

SOS Villaggi dei Bambini, da sempre attenta al benessere e alla salute mentale dei bambini e ragazzi seguiti e accolti nei Programmi e Villaggi SOS, lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale della Salute affinché venga dato più spazio e attenzione alla prevenzione della salute delle nuove generazioni.

All’interno dei Villaggi SOS, il potenziale disagio psico-fisico che i bambini e ragazzi possono manifestare viene affrontato attraverso un insieme di azioni specialistiche di tipo individuale o anche di gruppo, con colloqui e percorsi individuali e la conseguente attivazione di laboratori di supporto psicosociale di gruppo come ad esempio il TeamUp. “La nostra metodologia – sottolinea Orso Muneghina, Responsabile Programmi Internazionali ed Emergenza - ci permette di intervenire preventivamente per migliorare lo stato psico-fisico dei nostri ragazzi. In questo periodo di grande complessità, le difficoltà legate alle restrizioni imposte su tutti noi gravano profondamente anche sui più piccoli che da un anno si vedono divisi fra DAD e lezioni in classe. In questa fase si rende necessario riservare un’attenzione costante alla stabilità psicologica dei più giovani. L’imperativo per ogni società civile è di mettere in atto ogni possibile misura per preservare il benessere delle nuove generazioni”.

Progetto BenEssere: la risposta di SOS Villaggi dei Bambini alla prevenzione della salute dei più piccoli

Gli elementi che concorrono alla prevenzione della salute sono molteplici e vedono lo sviluppo di relazioni armoniche e il supporto psicologico tra i principali promotori di stabilità e benessere. Lo attestano innumerevoli ricerche scientifiche ma soprattutto lo convalida il lavoro dei tanti volontari e degli esperti coinvolti nel progetto BenEssere promosso da SOS Villaggi dei Bambini in prima battuta presso il Villaggio SOS di Ostuni, in provincia di Brindisi, e in prospettiva nelle altre realtà di SOS Villaggi dei Bambini.

Gli ospiti del Villaggio SOS pugliese, 37 tra bambini e ragazzi in una fascia d’età compresa prevalentemente tra i 3 e i 18 anni con alle spalle storie di disagio, seguono un programma che incrocia l’azione di un esperto psicologo e pedagogista interno con l’opportunità, nei casi che lo rendono necessario, dell’intervento di psicoterapeuti esterni in caso di vissuti particolarmente traumatici. Parallelamente, anche il personale di sostegno e volontario che si occupa della cura quotidiana dei ragazzi può avvalersi di sostegno specialistico.

“Abbiamo elaborato il nostro progetto ponendoci un obiettivo primario che è quello di contribuire al miglioramento del benessere psicosociale all’interno dei Villaggi SOS – ha specificato Samantha Tedesco, Responsabile Programmi e Advocacy - con interventi rivolti, contestualmente, sia allo staff educativo che ai bambini e ragazzi accolti. La strategia scelta è quella dell’attivazione di un percorso di supervisione metodologica e psicologica che coinvolga le equipe di tutti i servizi del Villaggio SOS, compresa l’equipe di Direzione, da un lato; dall’altro lato la messa a disposizione di interventi, a favore di bambini e ragazzi, di supporto specialistico individuale, psicologico o psicoterapeutico, e se il caso l’attivazione di interventi di supporto psico-sociale di gruppo”.

 
SOS Villaggi dei Bambini è parte del network di SOS Children’s Villages, la più grande Organizzazione a livello mondiale impegnata da oltre 70 anni nel sostegno di bambini e ragazzi privi di cure familiari o a rischio di perderle. Lavora con le famiglie d’origine per prevenire le crisi che ne causano la separazione e offre accoglienza di tipo familiare ai bambini che sono privi di cure adeguate. È presente in 136 Paesi e territori, dove aiuta oltre 1 milione di persone tra bambini, bambine, ragazzi, ragazze e le loro famiglie.  In Italia promuove i diritti di oltre 33.000 bambini e giovani e si prende cura di oltre 800 persone tra bambini, ragazzi e famiglie che vivono gravi momenti di disagio. Lo fa attraverso 6 Villaggi SOS - a Trento, Ostuni (Brindisi), Vicenza, Roma, Saronno (Varese), Mantova - un Programma di affido familiare interculturale a Torino e un Programma di sostegno psicosociale per Minori Stranieri Non Accompagnati in Calabria.
 
 
BRINDISI - Domenica 9 ottobre, alle ore 17, si celebra presso il Castello Alfonsino-Forte a Mare la "Giornata ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it