sabato 12 marzo 2022

Energia sotto scacco

Legambiente Puglia, come ben si sa, e da sempre a favore dello sviluppo delle rinnovabili, spesso sola in battaglie in difesa di questa importantissima fonte energetica che rappresenta la soluzione per uscire dalla dipendenza dai combustibili fossili e per raggiungere l'obiettivo UE di produzione elettrica entro il 2030. Cio e tanto piu vero se si tiene conto del fatto che l'invasione dell'Ucraina ha alimentato la bolla speculativa sul gas e gli altri combustibili fossili ed ha prodotto decisioni governative che rischiano di creare nuovi impianti alimentati a gas.

Se in questi anni l'Italia avesse investito con coraggio sullo sviluppo delle fonti rinnovabili, oggi non sarebbe cosi sotto scacco del gas russo e in piu in generale non sarebbe cosi dipendente dalle fonti fossili. Se lo sviluppo delle FER (solare + eolico) fosse andato avanti con lo stesso incremento annuale medio registrato nel triennio 2010-2013 (pari a 5.900 MW l'anno), oggi l'Italia avrebbe potuto ridurre i consumi di gas metano di 20 miliardi di metri cubi l'anno, riducendo le importazioni di gas dalla Russia del 70%.

"Ma e importante anche smontare i falsi miti che circolano soprattutto in Puglia - ha dichiarato Ruggero Ronzulli, presidente di Legambiente Puglia - quando si afferma che la nostra regione ha gia dato ed e autonoma energeticamente. Questo e vero nel complesso della produzione energetica regionale, ovvero tenendo conto del termoelettrico (carbone e gas) che rappresenta ben il 70% della nostra produzione energetica regionale. Quella stessa produzione oggi in crisi a causa della scarsita di gas e carbone importato per il 94% dall'estero".

In Puglia, ricordiamo, che sono ben 396 i progetti di impianti di energia da fonti rinnovabili in esame tra piccoli e grandi, in zone marginali e non (alcune dei quali anche in zone agricole). Tra questi, quelli in aree SIN (Sito d'Interesse Nazionale) che risultano attualmente bloccati per via della mancanza delle analisi di rischio sui terreni agricoli interessati. Si sottolinea ovviamente che i singoli progetti vanno visti, analizzati e contestualizzati ma non si puo trovare ogni minima scusa per bloccare tutto, perche altrimenti si resta fossilizzati nell'immobilismo energetico che sta mettendo in crisi proprio in questi giorni il nostro paese.

Da qui Legambiente Puglia apprende con soddisfazione la decisione del Consiglio dei Ministri di sbloccare la realizzazione di sei parchi eolici, che assicureranno una potenza pari a 418 MW. Quattro di questi si trovano proprio in Puglia nella provincia di Foggia. "Ricordiamo anche come lo sviluppo delle rinnovabili, - continua Ronzulli - compatibili con l'ambiente e territorio, sono anche un'importante fonte occupazionale per i nostri territori e soprattutto per i giovani che sempre vanno via per mancanza di futuro. Invece e fondamentale investire e puntare su un #futurorinnovabile in ogni direzione".
 

Dall'altre parte condividiamo con interesse la decisione della Regione Puglia di aprire un confronto con l'azienda che ha proposto il progetto del parco eolico offshore nello specchio di acqua tra Santa Cesarea Terme e Santa Maria di Leuca per trovare delle soluzioni condivise. Da mesi Legambiente Puglia chiede all'azienda e comuni di sedersi allo stesso tavolo per avviare una partecipazione democratica ed un dibattito pubblico da cui far scaturire la scelta condivisa.

"Dire solo "no" senza dialogare non portera mai a niente, anzi non fara altro che far ripetere gli stessi errori commessi in Puglia nel passato, come accaduto con la TAP. - sottolinea Ruggero Ronzulli - La Regione Puglia e i Comuni devono chiedere lo studio di fattibilita che Legambiente, piu volte, ha chiesto e giudica ineludibile e preliminare nel confronto con la societa proponente. Lo studio concerne scenari diversi, opzioni impiantistiche principali e connesse, siti di insediamento diversi, impatti diretti ed indiretti diversi da sottoporre a studi geognostici, anemometrici, mareometrici e delle correnti marine, sulle interferenze sulla navigazione, e sulla presenza o il transito di specie animali ed infine sull'attraversamento di praterie di posidonia sul coralligeno e sul SIC mare presenti. Anche perche, ricordiamo, che in questa materia Comuni e Regione non hanno nessun potere decisionale o di veto, ma solo consultivo. Per cui, invece di perseverare negli errori del passato con il mancato dialogo, confronto e condivisione, e fondamentale discutere concretamente sulle azioni e progetti tecnicamente".

A tal proposito Legambiente Puglia chiede alla Regione Puglia, al presidente Michele Emiliano e all'assessore Alessandro Delli Noci, di attivare un tavolo permanente sul tema in cui coinvolgere non solo i rappresentanti delle Istituzioni, ma anche e soprattutto il mondo della ricerca e alle associazioni che da sempre lavoro su sul tema energetico e delle rinnovabili, e che possono dare un contributo serio e concreto.
La Festa della Musica 2022 quest’anno, per ragioni dì sicurezza e per ragioni organizzative restrittive, ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it