domenica 26 giugno 2022

LEOCI (CON) SU PROROGA DEL COMMISSARIAMENTO A CAROVIGNO

"In merito alla proroga di ulteriori sei mesi per il commissariamento del Comune di Carovigno, deliberata dal Consiglio dei Ministri lo scorso mercoledì, sento di dover esprimere un certo rammarico e invitare a una riflessione sugli strumenti legislativi che a monte disciplinano lo scioglimento degli enti pubblici.

Stante infatti le sentenze di piena assoluzione che hanno riguardato sia l'ex Sindaco Massimo Lanzilotti che l'ex Presidente del Consiglio comunale Francesco Leoci, avrei auspicato un ritorno alle urne per dare piena espressione alla libertà della democrazia popolare che viene espressa tramite il diritto di voto.

Gli scioglimenti dei consigli comunali sono sempre più frequenti nei Comuni pugliesi. In alcuni di questi casi le motivazioni sono evidenti e rivelano una gestione preoccupante della cosa pubblica. Ma in altri casi non sono poche le sentenze a favore degli amministratori locali.

Quindi bisognerà valutare i singoli casi volta per volta e non fare di tutta l'erba un fascio. Forse è arrivato il momento di fare delle serie riflessioni in merito e invitare la politica tutta a discuterne.

In particolare credo che lo strumento dell’art. 143 del T.U.E.L., che disciplina lo scioglimento degli enti conseguente a fenomeni di infiltrazione e di condizionamento di tipo mafioso o similare, vada rivalutato nel suo importante valore considerando prove più “granitiche” al fine di non privare i cittadini dei propri rappresentanti.

Altrimenti si potrebbe incorrere nel rischio di strumentalizzare una norma assolutamente utile nelle vere realtà criminali, realtà in cui la mafia condiziona effettivamente le amministrazioni pubbliche.

E' da tempo che si discute di una revisione di tale articolo che però al momento è ferma in Parlamento, mi auguro che questa discussione sia ripresa per garantire che lo scioglimento degli enti sia basato su prove certe e concrete.

Inoltre torno a ribadire che i Sindaci andrebbero tutelati maggiormente, perchè nelle loro vesti sono coloro i quali entrano in contatto indistintamente con tutti i cittadini e che incorrono in rischi maggiori.

Ad oggi con la proroga e l'appuntamento elettorale che slitta a maggio 2023 non resta che attendere, ma far tornare la politica nel Palazzo di Città era e resta la priorità".

 
Ritirando il premio il regista Dario di Viesto ha ringraziato tutto il cast capace di realizzare un lavoro ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it