venerdì 28 ottobre 2022

Omicidio di Giampiero Carvone: assente la testimone chiave all'incidende probatorio.

Quella che è considerata la testimone chiave del processo a carico di Giuseppe Ferrarese non ha potuto partecipare all’udienza, per un difetto di notifica. Sono stati ascoltati, invece, i quattro collaboratori di giustizia.

Nell’aula bunker del carcere di Borgo San Nicola, a Lecce, ieri giovedì 27 Ottobre, l’incidente probatorio del procedimento per l’omicidio del 19enne Giampiero Carvone, avvenuto la notte del 10 settembre 2019 a Brindisi al rione Perrino.

 L’unico indagato è il 26enne Giuseppe Ferrarese.

L’udienza è stata convocata per cristallizzare le dichiarazioni già rese, per cui sono stati ascoltati in videoconferenza, Andrea Romano, Annarita Coffa, Angela Coffa e Alessandro Polito, che hanno praticamente confermato quanto già detto nell’ordinanza di custodia cautelare a firma del gip del tribunale di Lecce, Giulia Proto, notificata lo scorso 27 giugno a Giuseppe Ferrarese.

Ma mancava la testimone chiave, a causa di un difetto di notifica;  e cioè la ragazza che durante un’udienza del processo su una tentata estorsione nei confronti del padre di Giampiero Carvone, disse che Ferrarese le aveva chiesto di fornirgli un falso alibi per la notte dell’omicidio.

La ragazza fu interrogata,successivamente all’udienza, consegnando “agli inquirenti una verità in grado di resistere a qualunque prova di forza, dimostrando grande coraggio e un profondo senso di giustizia”.

 

MA cosa successe?

Carvone fu ucciso la notte del 10 settembre 2019, davanti all’ingresso della sua abitazione, in via Tevere 19 da un proiettile che lo centrò alla testa. il ragazzo  morì poche ore dopo presso l’ospedale Perrino di Brindisi.

All’inizio si pensò che i responsabili potessero essere i responsabili di una tentata estorsione al padre di Carvone, per un’atuo che lo stesso Giampiero avrebbe rubato. Poi, in sconda ipotesi  la polizia arrivò a pensare che fosse stato uno dei ragazzi che esplose un colpo di fucile in una piazza dove su una panchina risiedevano dei ragazzi appartenenti al gruppo di Cervone.

Il gip scrive nell’ordinanza di custodia cautelare “Giampiero Carvone muore a causa di un furto d’auto e del successivo danneggiamento della stessa dovuto ad un sinistro stradale, furto perpetrato in danno di persone ‘sbagliate’; ma muore fondamentalmente per avere fatto l’infame’, avendo riferito ad un uomo di spessore, assai temuto, i nomi dei suoi complici nel furto, tra cui proprio l’'odierno indagato”.

Ferrarese è difeso dagli avvocati Emanuela De Francesco e Cosimo Lodeserto. Presente in aula anche l’avvocato Giuseppe Guastella,

 “Dio è morto e neanch’io mi sento tanto bene” è il titolo del nuovo spettacolo ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it