Utilizzo del Pos. Le richieste di Confesercenti Brindisi in vista dell’incontro al Ministero dell’Economia

mercoledì 15 marzo 2023

Anche la Confesercenti della Provincia di Brindisi attende con fiducia l’esito dell’incontro che si terrà venerdì 17 marzo, a livello nazionale, presso il Ministero dell’Economia, per discutere il taglio delle commissioni sui pagamenti tramite Pos.

La Confederazione degli esercenti del territorio brindisino ha contribuito con le proprie istanze e proposte a redigere il pacchetto di richieste che saranno poste sul tavolo di discussione. “Una circostanza questa – dichiara il presidente provinciale, Michele Piccirillo - che conferma la presenza, l’efficienza e l’efficacia di Confesercenti Brindisi, a salvaguardia dei propri associati, le cui richieste sono le stesse che sono proposte a livello nazionale.

Una tappa davvero fondamentale per la nostra associazione, partendo dal fatto che per noi utilizzare il Pos non ha mai costituito un problema. Semmai, costituiscono un problema i costi legati alle transazioni, come le provvigioni bancarie, l’affitto degli strumenti elettronici, le eventuali sanzioni amministrative.

E ciò lo abbiamo detto già dal 30 giugno dello scorso anno, giorno in cui sono entrate in vigore le nuove regole sull’obbligo di accettare i pagamenti elettronici. Chiedemmo allora e chiediamo oggi, in vista dell’incontro di venerdì prossimo, di eliminare tali costi bancari”.

Ecco, in sintesi, il “cuore” delle richieste di Confesercenti. Nel 2022, l’utilizzo di carte di credito e bancomat in Italia è costato alle imprese dedite ad attività commerciali circa 5 miliardi di euro, tra commissioni e costi. Un onere particolarmente gravoso per le attività di minori dimensioni.

E’ una questione che è nata una decina di anni fa, da quando la moneta elettronica si è diffusa in Italia enormemente, al punto che il nostro Paese ha il più alto numero di Pos in Europa, con un importo medio di 50 euro delle transazioni.

Un dato che conferma come il problema si soprattutto riferito alle microtransazioni. Ora l’obiettivo sarà avere una riduzione dei costi della moneta elettronica. Per raggiungere tale traguardo e per venire incontro alle richieste degli esercenti è necessario che il Governo svolga un ruolo attivo nella contrattazione.

Se tali richieste saranno esaudite, se ne gioverà la diffusione della moneta elettronica, intesa non più come calata d’alto, ma condivisa dai soggetti interessati. Al tavolo verrà proposto di rendere gratuite le transazioni inferiori a 30 euro per le attività con un fatturato sotto i 400 mila euro, di prevedere un credito di imposta per tre anni e di costituire un osservatorio attraverso cui si rendano chiari i costi attuali sull’utilizzo della moneta elettronica. Brindisi, 13 marzo 2023

È arrivata l'ufficialità: il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano ha firmato i cinque decreti ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it
Moviweb: Web Marketing - Siti web - Ecommerce