Ronzoni, UIL: pugliesi sempre più poveri, aumenta il rischio usura

lunedì 20 marzo 2023
Piccoli negozianti nei guai ma, anche, i titolari delle botteghe artigiane e molti lavoratori autonomi. In Puglia, nel mirino degli «strozzini» che prestano soldi a tassi usurai ormai ci sono un gran numero di categorie, schiacciate dalla crisi.

Durante il convegno 'L'azione delle fondazioni anti usura per promuovere la dignità umana in questo tempo di crisi' di Bari , il commissario straordinario del governo per il coordinamento delle iniziative anti racket e anti usura, Maria Grazia Nicolò ha detto che "Per le estorsioni in questi quattro anni sono stati erogati dalle fondazioni 8 milioni 500mila euro e quasi due milioni per l'usura", ha proseguito. A livello nazionale "le denunce per estorsioni nel 2019 sono state 314, nel 2020 sono state 284 e nel 2022 sono state 195. Per l'usura sono state 418 nel 2019, 255 nel 2020, 217 nel 2021 e 134 nel 2022 -. Sono stati erogati 67 milioni per le estorsioni e 11 milioni 400mila per l'usura".

Così commenta il segretario organizzativo generale della Uil e commissario straordinario Uil Puglia, Emanuele Ronzoni: «Lo diciamo da tempo, le famiglie pugliesi sono sovraindebitate, fenomeno peraltro osservato dalla consulta nazionale antiusura, che ha evidenziato un ricorso sempre più frequente all’usura per far fronte all’aumento del costo della vita. È un dato di fatto: manca il lavoro, ma anche quando c’è, si tratta di lavoro povero»,

In Puglia, stando ai dati Istat, il 27,5% delle famiglie è a rischio povertà relativa, il dato più alto di tutto il Paese. La media nazionale è dell’11,1%, quella del meridione è il 20,8%. «Non si parla solo di persone disoccupate, per le quali continuiamo a ritenere indispensabile una seria politica attiva del lavoro e quindi investimenti in questa direzione da parte della Regione, ma anche di persone che lavorano da anni in condizioni precarie che non consentono alcuna progettualità ma una mera sopravvivenza»

«Il livello delle retribuzioni è sostanzialmente invariato da circa trent’anni, e questo accade in tutto il Paese. Nel Mezzogiorno, in particolare, questo rende la situazione drammatica. L’attuale crisi economica ha ulteriormente aggravato la situazione contraendo il potere d’acquisto delle famiglie, non solo i lavoratori ma anche i pensionati che scontano da decenni un immobilismo che continua a erodere le loro capacità di spesa. Non parliamo quindi di una crisi momentanea dovuta a cause esterne, ma ad una situazione strutturale di lavoro povero».

«Esiste una catena di creazione di povertà e disuguaglianza, le paghe sono troppo basse e la precarietà è troppo diffusa e all’interno di questa catena esistono forti disparità tra lavoratori e lavoratrici, con queste ultime lontane da una parità salariale reale e alle prese con una difficile conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. Situazioni che si risolvono solo attraverso la contrattazione, attraverso la vigilanza del rispetto dei contratti nazionali, attraverso la riduzione di tutte quelle forme contrattuali precarie come il lavoro a tempo determinato, seguendo il modello spagnolo, la riduzione delle ore lavorative a parità di salario, la riduzione del cuneo fiscale e la decontribuzione della tredicesima e degli aumenti contrattuali».

Conclude il segretario Uil e commissario straordinario Uil Puglia: «Le misure straordinarie messe in campo hanno tamponato la situazione, ma l’inversione sarà possibile solo se ci sediamo al tavolo e discutiamo seriamente del futuro delle lavoratrici e dei lavoratori. Sono queste le priorità del Paese non l’autonomia differenziata che se attuata non potrà che aggravare queste disparità».

 

Altri articoli
"La candidatura della città di Brindisi a Capitale italiana della Cultura 2027 rappresenta l’ambizione di ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it
Moviweb: Web Marketing - Siti web - Ecommerce