Torchiarolo, una storia incredibile: si finge operatore delle Poste e truffa una persona.

lunedì 17 aprile 2023
Una storia che ha dell’incredibile:

Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Stazione di Torchiarolo sono stati attivati a seguito di una truffa telefonica patita da un uomo del luogo che ha denunciato di essere stato raggirato con un astuto stratagemma.

L’interlocutore telefonico, fingendosi operatore di Poste Italiane, dopo aver contattato telefonicamente il denunciante, con la scusa di avere ricevuto un “alert” su una sospetta attività fraudolenta in corso ai suoi danni, è riuscito a carpire da questi i dati necessari per effettuare un versamento sul conto corrente a lui intestato, nonché a farsi inviare i codici che la vittima avrebbe ricevuto per sms, incassando fraudolentemente la somma di 600,00 euro.

Il raggiro ideato dal presunto truffatore, difatti, ha tratto in inganno la vittima, poiché il messaggio di “alert” proveniva da un’utenza riconducibile falsamente a Poste Italiane. Il falso “alert”, nel segnalare alla vittima una sospetta attività fraudolenta in corso sul proprio conto corrente, richiedeva la compilazione di un modulo, che di fatto ha consentito al malfattore di entrare in possesso dei dati di accesso al conto corrente della vittima.
Gli accertamenti dei Carabinieri di Torchiarolo, attraverso la ricostruzione del flusso di denaro, hanno permesso di risalire ad un conto corrente riconducibile al presunto responsabile, che è stato denunciato in stato di libertà alla Procura di Brindisi.

Il Comando Provinciale dei Carabinieri di Brindisi ricorda che le truffe possono avvenire anche telefonicamente; i malintenzionati possono fingersi dipendenti di istituti di credito, con chiamate che possono sembrare autentiche perché i truffatori riescono a simularne la provenienza (ad esempio il numero di non comunicare mai i codici di accesso al proprio conto o i codici usa e getta, né aprire link o QR Code che potrebbero inviare.

Si rammenta, infine, che il truffatore per farsi aprire la porta ed introdursi nelle vostre case può presentarsi in diversi modi. Spesso è una persona distinta, elegante e particolarmente gentile.
Dice di essere un funzionario delle Poste, di un ente di beneficenza, dell’INPS, o un addetto delle società di erogazione di servizi come luce, acqua, gas, etc. e talvolta un appartenente alle forze dell’ordine. Gli enti pubblici non inviano propri incaricati a domicilio e se lo fanno, di solito il controllo domiciliare delle utenze domestiche viene preannunciato con un avviso (apposto al portone di un palazzo o comunicato al portiere) che indica il motivo, il giorno e l’ora della visita del tecnico o preannunciato con comunicazione scritta.

Esiste un modo per non cadere nelle trappole, ovvero non aprire la porta a chi non si conosce direttamente ed interrompere le conversazioni telefoniche provenienti da interlocutori che cercano di carpire notizie e dettagli su vicende familiari e personali o chiedono credenziali per accedere a conti correnti. Il consiglio è quello di diffidare sempre ed avvisare, in casi sospetti, i Carabinieri.

 

Altri articoli
MUSEO RIBEZZO BRINDISI  -  In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia 2024, promosse dal MiC ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it
Moviweb: Web Marketing - Siti web - Ecommerce