FP CGIL Brindisi: "Siamo tutte sorelle di Giulia"

lunedì 27 novembre 2023
 

FP-CGIL, BRINDISI -  “SIAMO TUTTE SORELLE DI GIULIA”.

I
naccettabile il pensiero chi tenta di attaccare a mezzo stampa le donne come me, il loro lavoro, le attese di stabilità occupazionali delle lavoratrici e persino il dolore della sorella di Giulia.(Cecchettin NDR).

Questa non è libertà di espressione, ma un messaggio sociale pericolosissimo che offende le donne e il dolore altrui, privo di sensibilità e attenzione verso temi drammaticamente attuali e delicatissimi che riguardano tutte le donne.

Voglio raccontarvi una storia recente, la mia storia e quella delle lavoratrici che rappresento sul territorio brindisino e il dolore che resta ai familiari delle vittime di violenza.

Pochissimi giorni fà, dopo anni di lotta dura e continua al precariato e di battaglie territoriali serrate, per favorire processi di stabilità occupazionale ed internalizzazione, dopo tanti documentabili incontri, manifestazioni, sit-in, presidi, comunicati stampa, verbali e atti propositivi, progettuali con le istituzioni di costruzione a favore di chi si occupa di professioni d’aiuto (lavoratrici per l’ 80% donne ),venivo informata dalle stesse lavoratrici che con il mio nome citato in modo visibile erano state rilasciate dichiarazioni a mezzo stampa in cui ero sottilmente accusata di favorire processi di esternalizzazione e la gestione con affidamento di servizi all’esterno di cooperative, ovvero il contrario delle battaglie da me sempre perseguite.

Notizia falsa e lesiva nei miei confronti e nei confronti di tutte le lavoratrici che hanno tanto contribuito in questi anni per raggiungere livelli accettabili di occupazione stabile e indeterminata.
A ciò sono seguite innumerevoli istanze delle operatrici del sociale e anche la rabbia di chi come me e con me si era tanto spesa e si spende tutti i giorni per favorire processi di valorizzazione professionale delle persone e di internalizzazione e stabilizzazione.

Basti pensare che in questi ultimi anni grazie ad azioni di proposta e protesta territoriali incessabili, sindacali che ci hanno viste protagoniste come CGIL ed FP a Brindisi si sanano 504 posizioni occupazionali per gli operatori della sanità pubblica e tantissimi operatori del sociale con picchi di precariato atavici, storici a partire dal 2009: tecnici dell’inserimento, educatori, assistenti sociali, pedagogisti, ecc. ecc, in alcuni ambiti e consorzi. Significativo anche il mio ulteriore ruolo sindacale, Segretaria Generale anche del NIdil CGIL BRINDISI, categoria che si batte da sempre in modo peculiare per il superamento del precariato esistente. Ciò quindi è nostra essenziale prerogativa.

Dopo tali dichiarazioni a mezzo stampa ricevute ho ritenuto doveroso attivare gli uffici legali della FP CGIL BRINDISI a tutela di immagine della categoria e delle lavoratrici e solo dopo qualche ora ed interlocuzione in cui segnalavo azioni di querela, arrivava una palese smentita con una citata confusione momentanea a seguito delle dichiarazioni espresse a mio danno precedentemente.

Oggi invece comprendo e capiamo, come FP Cgil Brindisi che la confusione non era momentanea, ma probabilmente duratura, fortemente ancorata e legata al pensiero da esprimere necessariamente contro le donne e persino contro quelle come la sorella di Giulia che hanno tanto sofferto.

Le vittime di violenza sono coinvolte direttamente e pagano in moltissimi casi anche il prezzo altissimo della vita. I dati del femminicidio, infatti solo negli ultimi 11 mesi riportano un conteggio spaventoso: 106 le vittime donne in Italia, ma non dobbiamo dimenticare le altre vittime coinvolte nella violenza che sono soprattutto le figure familiari che restano, come la sorella di GIULIA e le donne che continuano a subire violenza psicologica, le sopravvissute.

Ci sono donne che continuano a combattere per le donne e contro queste azioni di confusione, tutti i giorni e lo faremo ancora e di più, ogni volta che una donna verrà offesa ed in qualsiasi contesto di riferimento.

Non lasceremo la sorella di GIULIA da sola ed a lei va’ tutta la nostra vicinanza e solidarietà.

Per Giulia, per la sorella di Giulia e per tutte le Giulia del mondo e di Brindisi ribadiamo con forza no alla violenza manifesta, palese, verbale, nè subdola sulle donne, no alla violenza fisica e psicologica, no alla cultura patriarcale che è ancora presente nei giorni nostri e nei nostri territori.                 

                                                                                                                           La segretaria provinciale

con delega alle politiche di genere FPCGIL BRINDISI  

CHIARA CLEOPAZZO                                                                                                       

Altri articoli
"La candidatura della città di Brindisi a Capitale italiana della Cultura 2027 rappresenta l’ambizione di ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it
Moviweb: Web Marketing - Siti web - Ecommerce