La CGIL lancia una petizione online per far rientrare Brindisi nelle reti transeuropee

mercoledì 3 gennaio 2024
BRINDISI - La Cgil ha lanciato la petizione online "Brindisi Porta d’Oriente" su change.org, in risposta all'esclusione della città dalle reti di trasporto Transeuropee.

Il segretario generale Antonio Macchia ha già mobilitato contro l'esclusione del porto di Brindisi dalle reti Ten T e dal corridoio VIII.

 Numerose associazioni, tra cui Italia Nostra Brindisi, Legambiente Brindisi, Wwf Brindisi, Medicina Democratica, Acli Provinciali Brindisi, Fondazione “Tonino di Giulio”, Medici per l’Ambiente, Anpi Brindisi, hanno sostenuto l'iniziativa.

 La petizione sottolinea il rischio di escludere Brindisi dallo sviluppo infrastrutturale e invita al riconoscimento della città nelle strategie UE, inclusione nei corridoi Baltico-Adriatico e Balcani occidentali (Corridoio 8), nel 'Quadrilatero del Sud', nella rete dell'alta velocità lungo la dorsale adriatica, autostrade, e classificazione di porto 'core'.

Altri articoli
Terza domenica di luglio: festa del Redentore a Venezia e festa anche nel castello di Mesagne (Brindisi), ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it
Moviweb: Web Marketing - Siti web - Ecommerce