Anche M5S , BBC, SI, EV Brindisi, dicono no alla chiusura del Centro Antiviolenza

mercoledì 31 gennaio 2024

Pubblichiamo i comunicati di Movimento 5 Stelle, Sinistra Italiana, Brindisi Bene Comune ed Europa Verde  con i quali chiedono  di stanziare nuovamente i fondi per non chiudere il Centro Antiviolenza di Brindisi.

NOTA DI BBC , SINISTRA ITALIA ED EUROPA VERDE BRINDISI

Sinistra Italiana, Brindisi Bene Comune ed Europa Verde  aderiscono e parteciperanno alla manifestazione con corteo di protesta indetta da CGIL, SPI e FP Brindisi, il prossimo 6 febbraio con partenza alle ore 9.30 in piazza Cairoli.
Il Centro Anti Violenza che da oltre 25 anni si occupa di tutelare minori e donne vittime di violenza, abusi e maltrattamenti, cessa la sua attività poiché il Comune di Brindisi decide di non dare continuità al servizio nonostante ci siano finanziamenti regionali già stanziati ad hoc e con i casi di violenza purtroppo in aumento ovunque. Già in sede di approvazione del Bilancio comunale abbiamo provato ad evitare l’azzeramento del cofinanziamento al CAV, per scongiurarne la chiusura; ora, come opposizioni consiliari, abbiamo presentato una mozione individuando quei fondi che, associati ai finanziamenti regionali disponibili, potrebbero garantire il proseguimento delle attività del Centro Anti Violenza di Brindisi.
La destra, ovunque governi, continua a perseguire il suo disegno di smantellamento di tutto ciò che è pubblico, necessario, utile.
Su tutto ciò va informata per tempo la cittadinanza.
Tutto ciò, nel modo più partecipato possibile, andrà impedito

 

NOTA DEL M5S BRINDISI

Il Movimento 5 Stelle esprime la propria contrarietà per la possibile sospensione del servizio del Centro di Anti Violenza da parte del Comune di Brindisi a partire dal 1° febbraio.

Come sempre accade quando c’è da essere in prima linea per delle cause nobili, parteciperemo al corteo di protesta organizzato da CGIL, SPI e FP Brindisi il 6 febbraio alle 9.30 in piazza Cairoli. Da oltre 25 anni il CAV è impegnato nel nostro territorio nella tutela di minori e donne vittime di violenza e la decisione di questa amministrazione comunale di azzerare i contributi, nonostante finanziamenti regionali già assegnati, ci lascia sgomenti soprattutto ripesando alle notevoli cifre spese per lo stadio comunale, tra l’altro con risultati discutibili.

Il Movimento 5 Stelle, unitamente al PD, ad Attiva Brindisi e agli altri consiglieri di opposizione, in sede di approvazione del Bilancio comunale, ha presentato una proposta tendente ad evitare la cancellazione del cofinanziamento al CAV, recuperando parte di questi soldi anche attraverso una rimodulazione del gettone di presenza dei consiglieri comunali.

Questa amministrazione comunale scegliendo di tagliare i contributi al CAV, dimostra una scarsa sensibilità verso un fenomeno sociale crescente, che vede come vittime di soprusi donne e bambini, del resto risuonano ancora nell’aria le recenti dichiarazioni del consigliere Mevoli su una vittima di femminicidio, per cui non potevamo che aspettarci un comportamento come quello preannunciato.

Pertanto invitiamo tutta la popolazione a far sentire la propria solidarietà con chi è in difficoltà, ma anche a gridare la propria protesta contro questa scelta

Altri articoli
Continua l’impegno di Miceexperience: già pianificante le mostre del 2025 e del 2026, ma nel frattempo si ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it
Moviweb: Web Marketing - Siti web - Ecommerce