Brindisi, le Associazioni: “serve conoscere esattamente gli scenari con la costruzione del depositoDeposito GNL( ora anche rigassificatore)"

giovedì 14 marzo 2024

BRINDISI - "Vi sono due episodi che in questi giorni stanno tenendo banco. Uno di questi è la richiesta di notizie dettagliate avanzata dal consigliere comunale Michelangelo Greco alla Capitaneria di porto di Brindisi, ai vari ministeri competenti e alla Procura, riguardante le questioni di sicurezza legate al Deposito/rigassificatore GNL Edison e la conseguente limitazione del traffico portuale. L’altra riguarda la controversia tra l’AdSPMAM e il Consorzio ASI di Brindisi relativamente alla distanza che si deve rispettare dai binari esistenti a costa Morena est che, ricordiamo, sono importantissimi per lo sviluppo della logistica.

Cominciamo con quest’ultimo episodio.

L’AdSPMAM aveva presentato ricorso al TAR del Lazio per chiedere la sospensiva e poi l’annullamento di alcune note dell’ASI che chiedevano di rispettare la distanza di trenta metri dai binari ferroviari – secondo quanto previsto dal Dpr n. 753 del 1980 art.li 49-50-51 e dal dlgs del 14 maggio 2019 art. 2 comma 3/c -. A queste note l’Ente portuale si è opposto, oltre a contestare all’ASI la competenza di intervenire su tali questioni.

Il TAR Lazio non ha aderito alla richiesta dell’AdSPMAM, rinviando la decisione definitiva alla discussione di merito fissata il 19 giugno prossimo. Qualunque sia la lettura che si voglia dare a tale decisione, non può, comunque, non considerarsi che sino a tale data si fermano tutti i “giochi” e diviene illegittima, oltre che fuori luogo, ogni forzatura strumentale che si volesse prendere, come quella annunciata tempo fa da Edison di iniziare i lavori e, comunque, rafforza le tante perplessità espresse sul procedimento autorizzativo del deposito costiero nel porto di Brindisi e le ragioni per le quali è stato presentato un esposto alla Procura della Repubblica. Oltre a ciò, grazie a tale decisione, si ha ulteriore tempo per ponderare atti in difesa degli interessi collettivi e del territorio, come auspichiamo facciano le istituzioni locali,Comune e Provincia, dando concreto sostegno giuridico al Consorzio ASI, cui oggettivamente va riconosciuto il merito d’aver mantenuto la “barra dritta”.

L’altro episodio, il primo menzionato, è ancor più sintomatico della scarsa chiarezza che contraddistingue tale vicenda. Il botta e risposta tra la Capitaneria e il consigliere comunale Greco non può sfuggire all’attenzione della Magistratura e della Prefettura, perché non è solo in gioco la sicurezza dei cittadini, ma anche la portualità, se per questa intendiamo lo sviluppo polifunzionale del nostro porto e non il suo asservimento a logiche di parte che nulla porteranno di buono alla nostra economia.

Anche le nostre associazioni inoltrarono, il 23 aprile 2021, analoga richiesta alla Capitaneria con la quale esprimendo forti dubbi sulla sicurezza e sulle limitazioni del traffico portuale chiedevamo, analogamente a Greco, di conoscere esattamente gli scenari che si sarebbero verificati sia con la costruzione del deposito GNL Edison (ora anche rigassificatore) sia con quello di carburanti della Brundisium SpA.

La Capitaneria anche allora decise di rispondere in modo estremamente vago, in pratica riservandosi di emanare “poi” le disposizioni di sua competenza, in materia di sicurezza della navigazione e degli ormeggi. Questo che segue è un passo della sua risposta in data 3 maggio 2021: «la scrivente Autorità Marittima, renderà le proprie determinazioni di competenza in materia di sicurezza della navigazione e dello specchio acqueo portuale nell’ambito della Conferenza dei Servizi convocata dal Ministero della Transizione Ecologica. Sarà cura di questa Autorità Marittima partecipare a codeste Associazioni le determinazioni assunte in seno al precitato procedimento». 

Da allora non è stato deciso e comunicato alcunché, se anche il consigliere Greco ha ritenuto d’intervenire sulla stessa questione. Evidentemente la Capitaneria pensa di rendere note le sue decisioni ad impianto/i realizzato/i, quando oramai il danno sarà consumato.

Riteniamo tale atteggiamento incomprensibile e irragionevole, la città vuol sapere prima e non dopo a cosa va incontro."

 

Firmato:

Italia Nostra Brindisi, Legambiente Brindisi, WWF Brindisi, Medicina Democratica, A.C.L.I. Provinciali Brindisi, Fondazione “Tonino di Giulio”, Medici per l’Ambiente, ANPI Brindisi, Forum Ambiente Salute e Sviluppo, Salute Pubblica, No al Carbone, Puliamoilmare Brindisi, Associazione “Vogatori Remuri Brindisi

Altri articoli
BRINDISI - Dal 4 al 7 giugno, Brindisi ospiterà oltre 80 partecipanti provenienti da 21 Paesi e rappresentanti ...

Pubblicità Elettorale

___________________ concessionaria degli spazi pubblicitari di brindisisera.it, dichiara di aver depositato presso la propria sede in Via _________________ il listino analitico degli spazi e dei servizi pubblicitari on line che intende mettere a disposizione di chiunque abbia interesse a diffondere messaggi a contenuto politico – elettorale a condizione di parità commerciale tra loro. nderne visione, o acquisire informazioni scrivere a: info@brindisisera.it
info@brindisisera.it
Moviweb: Web Marketing - Siti web - Ecommerce